Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Io, prof denunciato per invasione base Usa»
In lotta contro il Muos, fuori e dentro il liceo

Enzo Traina ha 57 anni e insegna matematica al liceo scientifico di Niscemi. Ma dal 2008, alla tradizionale attività didattica fatta di numeri ed equazioni, si aggiunge l'impegno contro il sistema militare di antenne satellitari. C'era anche lui lo scorso 9 agosto tra le centinaia di manifestanti che hanno invaso la base Usa, azione per la quale è stato denunciato. «E' stato un atto di disobbedienza civile - spiega - ma quella manifestazione sembrava organizzata dal ministero degli Interni: la polizia è rimasta a guardare e nessuno ci ha intimato di uscire»

Salvo Catalano

«Sono un insegnante e anche io sono stato denunciato per aver difeso il diritto alla salute e alla pace, sanciti dalla Costituzione italiana». Enzo Traina, 57 anni, il 9 agosto era tra le centinaia di manifestanti che hanno invaso la base militare Usa di Niscemi, dove è in costruzione il Muos, il sistema militare di antenne satellitari. Anche per lui, professore di matematica al liceo scientifico Leonardo da Vinci della città nissena, è scattata la denuncia per invasione di suolo militare. «Ho compiuto un atto di disobbedienza civile e ne sono consapevole- spiega - ma quella manifestazione sembrava organizzata dal ministero degli Interni: la polizia è rimasta a guardare, non c'erano più cartelli di divieto di ingresso e nessuno ci ha intimato di uscire».

Traina è tra i primi attivisti che hanno preso parte al comitato locale No Muos, sin dal 2008. Ma non si riconosce nel Coordinamento regionale dei comitati. «Non riesce più a dare voce a tutte le realtà che lottano contro il Muos, come invece accadeva all'inizio - sottolinea - Ci sono state speculazioni politiche da più parti, le divisioni hanno indebolito il movimento». Nonostante le delusioni per quelli che considera «errori di strategia, simili a quelli commessi da altri movimento come i No Tav», il professore di matematica non smette di lottare. Fuori e dentro la sua scuola. Il comitato di cui fa parte sta portando avanti un attività di ricerca scientifica sugli effetti delle onde elettromagnetiche nel territorio di Niscemi, in collaborazione con docenti universitari di diversi atenei italiani. «Cominciano ad arrivare i primi risultati, purtroppo negativi per noi, ma verranno resi pubblici soltanto tra qualche tempo», aggiunge. Mentre per quanto riguarda la sua attività scolastica, Traina precisa: «Il mio compito non è soltanto quello di insegnare le equazioni, ma di educare, aiutare i ragazzi a capire la realtà che ci circonda. Nelle varie assemblee quindi cerco di informare e fare chiarezza su tutte le posizioni e i punti di vista, soprattutto di fronte al disorientamento dei ragazzi di fronte alle divisioni del movimento».

Tornando alla denuncia per l'invasione della base Usa dello scorso 9 agosto, il professore ricorda un aneddoto a supporto della sua tesi. «Durante la manifestazione vidi un telo che nascondeva qualcosa, lo segnalai alla polizia che trovò uno zaino con arnesi per tagliare la rete metallica. Era una cosa evidente, segno che a mio avviso la zona non era stata nemmeno bonificata come di solito avviene in questi casi. Era come se non ci fosse nessuna volontà di controllare». Adesso la parola passa agli avvocati. «Non sarà una denuncia a fermare il nostro impegno - conclude Traina - questa lotta ormai fa parte della mia vita».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews