Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, una gru al cantiere e novità giudiziarie
«No all'archiviazione della nostra denuncia»

Riprendono i lavori per la costruzione del mega impianto di antenne satellitari all'interno della base Usa di Niscemi: questa mattina gli attivisti del gruppo Antenne 46 hanno ripreso l'arrivo di una grande gru. Che servirà «a sollevare le parabole». Sempre questa mattina l'associazione antimafia Rita Atria ha presentato una opposizione alla richiesta di archiviazione della denuncia presentata lo scorso agosto, relativa alla revoca della revoca dei lavori operata dalla Regione Sicilia. Guarda il video

Leandro Perrotta

Dopo mesi di stasi, stamattina sono ricominciati i lavori nel cantiere del Muos, dentro la base militare Usa di Niscemi. A documentare l'arrivo di una grande gru, sono stati gli attivisti riuniti sotto il nome Antenne 46, che ormai da più di un anno seguono costantemente i movimenti degli operai in contrada Ulmo, in piena riserva naturale Sughereta, dove si sta ultimando il mega impianto di antenne satellitari. «Mentre riprendevamo, eravamo guardati a vista da un gruppo di sei militari americani, armati con fucili a pompa», scrivono gli attivisti. La gru, scortata dalle forze dell'ordine all'interno della base, servirà «per alzare le grandi parabole».

Novità questa mattina anche sul fronte giudiziario: l'associazione antimafia Rita Atria ha depositato una opposizione contro la richiesta di archiviazione della denuncia contro a cosiddetta revoca della revoca operata dalla regione Sicilia sui lavori del Muos. La denuncia, inviata alla Procura della Repubblica di Palermo ad agosto 2013, è stata assegnata al sostituto procuratore Pierangelo Padova il 18 di settembre. «Ma dopo solo una settimana, il 27 settembre il pubblico ministero ha richiesto l'archiviazione. Senza tenere conto delle relazioni dell'Iss», spiega Goffredo D'Antona, legale dell'associazione antimafia. «Soprattuto ci lascia perplessi il fatto che il fascicolo fosse a carico d'ignoti, nonostante nella denuncia ci fosse il nome del dottor Gaetano Gullo, dirigente regionale che ha firmato l'atto di revoca della revoca» continua D'Antona.

Una decisione, quella di tenere il fascicolo a carico d'ignoti «che inizialmente avevamo preso con ottimismo», continua il legale. Un ottimismo svanito dopo aver letto le motivazioni del magistrato: Gullo, dirigente generale del dipartimento Ambiente, avrebbe solo «fatto una valutazione diversa rispetto alla nostra - prosegue D'Antona - In realtà il dirigente si è limitato a trascrivere parte delle relazioni dell'istituto superiore di sanità. Relazioni chiediamo di acquisire per intero, anche alla luce di alcune puntualizzazioni dell'Istituto superiore di Sanità apparse in maniera tardiva». In particolare, nell'opposizione si mette in evidenza quanto redatto, quale consulente della Regione Sicilia, dal professore Zucchetti, che a parere di D'Antona«dovrebbe anche essere anche sentito dal magistrato, per spiegare il senso di quanto scritto per l'Iss». Il legale sottolinea infine le «difficoltà nel poter effettuare una opposizione entro i dieci giorni stabiliti, dato che non vi era possibilità, come da normale prassi, di fare le copie della richiesta di archiviazione».

[Foto e video di Antenne 46]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews