Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sicilia, patria dell'allevamento di lumache
La scommessa vincente di tre giovani

Hanno iniziato quasi per gioco, ma adesso sono i proprietari del più grande allevamento di chiocciole in Italia. Tante le difficoltà da affrontare, compreso il vuoto legislativo, ma sono riusciti lo stesso a crescere offrendo prodotti di nicchia, come il caviale di lumaca, ma anche cosmetici. Auspicano che altri si appassionino all'elicicoltura al fine di creare una cooperativa e finalmente riuscire a soddisfare il mercato

Desirée Miranda

Hanno iniziato quasi per gioco circa otto anni fa e adesso sono i proprietari del più grande stabilimento d’Italia per l’elicicoltura, ovvero l’allevamento della chiocciola per scopi alimentari. Si sono scoperti cioè allevatori di lumache e partendo dall’alimentazione hanno allargato la produzione trasformandola in una vera e propria industria che dà da mangiare a tre famiglie e che vuole continuare a crescere. La lumaca Madonita.

È questa la storia di tre amici, i fratelli Michelangelo e Giuseppe Sansone e Davide Merlino, tutti under 35, che in un periodo di crisi economica e lavorativa, a Campofelice di Roccella, in provincia di Palermo, hanno saputo creare una nuova azienda, diventando al contempo imprenditori, allevatori e contadini.

Tutto nasce circa dieci anni fa quando Michelangelo scopre l’esistenza dell’elicicoltura frequentando un corso per capo azienda. Da quel momento iniziano le ricerche per cercare di capirne di più e la scoperta che esistono poche e piccole realtà nel Belpaese. «Ci è sembrato qualcosa di positivo e abbiamo quindi deciso di scommetterci, anche se la società l’abbiamo costituita nel 2009», spiega Michelangelo. Messa una quota ciascun come capitale sociale, il primo passo è quello di affittare un terreno, quello successivo l’acquisto delle chiocciole.

Subito, però, sono tanti i problemi da affrontare e i soldi purtroppo persi, a causa dell’inesperienza dei tre - tanto che Michelangelo definisce i primi due anni «un vero e proprio disastro» - e della mancanza di una legislazione specifica. Le difficoltà non sono solo lavorative, bisogna affrontare anche la diffidenza dei genitori. «Non potevamo tornare indietro per almeno due ragioni – dichiara Michelangelo Sansone -  da una parte avevamo investito troppi soldi, tutti i nostri risparmi di poco più che ventenni, dall’altra abbiamo avuto sin da subito una rete di vendita che non volevamo perdere. Fare vedere ai nostri genitori che ce l’avremmo fatta, poi, era importante», spiega ancora il giovane. Oggi sono l'orgoglio della famiglia e del paese in cui vivono.

Con il passare del tempo, i tre ragazzi sono riusciti ad affermarsi. «Abbiamo imparato i dosaggi dell’acqua, che è ideale quella calcarea e che deve essere costantemente pulita, come pure ad ottimizzare il terreno che non deve essere assolutamente argilloso, ad esempio, fino a creare un metodo tutto nostro», dichiara Sansone. I tre non solo utilizzano delle chiocciole che sono un mix tra quelle francesi e quelle autoctone, hanno anche deciso di dargli il mangime imparando a coltivare gli ortaggi necessari all’alimentazione delle chiocciole.

E se all’inizio non sapevano bene come fare, piano piano, «lentamente e inesorabilmente come le lumache», scherza Michelangelo Sansone, sono comunque andati avanti. Prima hanno ampliato la produzione alimentare, andando oltre la semplice vendita di lumache vive, con i trasformati come zuppe grazie alla collaborazione con una azienda di Enna. Quindi hanno deciso di dedicarsi a un mercato molto di nicchia come quello del caviale di lumaca. L'ultima frontiera è quella dei cosmetici che presto verranno messi in commercio. «Abbiamo voglia di crescere e di fare. È un bel lavoro, non troppo faticoso, ma che richiede molto impegno, anche perché in Italia non esiste una legislazione per chi deve iniziare e i problemi vanno affrontati quando si presentano», dice ancora Michelangelo Sansone. «Non abbiamo neanche l’aiuto dell’Asl, dobbiamo affidarci all'autocontrollo», aggiunge.

Mirano a farsi conoscere fuori dai confini siciliani, anche se già adesso la vendita è soprattutto on line e quindi non per forza legata al territorio. Intanto continuano a lavorare e a partecipare alle fiere nazionali e internazionali a cui sono invitati e auspicano che altri decidano di dedicarsi all’elicicoltura. Lo scopo è quello di creare una cooperativa capace di soddisfare il mercato, perché attualmente «le realtà sono piccole e dislocate nel territorio, lavorando insieme, invece, possiamo ottenere di più. Per noi è una sfida che vogliamo vincere», conclude Michelangelo Sansone.

[Foto di La Lumaca Madonita]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email