Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Processo Noce, Gagliano rinuncia all'Appello
Il giudice: «Finisca le perizie psichiatriche»

Ha chiesto l'annullamento del ricorso e ha revocato l'incarico al suo avvocato. Con due lettere manoscritte, il 26enne assassino di Stefania Noce, sua ex fidanzata che oggi avrebbe compiuto gli anni, e del nonno di lei, Paolo Miano, ha rimesso in discussione il procedimento. Per la corte si tratta di «un caso da Settimana enigmistica del codice penale». Se Loris è incapace di intendere, le sue richieste possono essere accolte? In attesa di una risposta, una cosa è certa: il 10 marzo un'aula dei Benedettini sarà intitolata alla studentessa

Luisa Santangelo

«Chiedo l'annullamento del ricorso in Appello». Con una breve lettera manoscritta, Loris Gagliano, 26 anni, dal carcere di Siracusa ha rinunciato al procedimento di secondo grado in cui è imputato per l'omicidio della sua ex fidanzata, la ventiquattrenne Stefania Noce, e del nonno di lei, il settantunenne Paolo Miano. Un colpo di scena del tutto inaspettato, arrivato all'inizio dell'udienza di oggi – giorno del compleanno di Stefania –, che getta pesanti dubbi sul futuro del processo. Perché secondo il giudice Luigi Russo c'è da stabilire se il giovane sia in grado di intendere e di volere. E, di conseguenza, capace di scegliere se affrontare o meno nuove udienze e una seconda sentenza. Quella di primo grado è arrivata il 5 aprile 2013: il tribunale di Caltagirone ha giudicato Gagliano colpevole di omicidio premeditato e l'ha condannato al carcere a vita.

Se la richiesta di annullamento venisse accolta, l'ergastolo sarebbe confermato. Ma, finora, nulla è andato in modo lineare. Prima Loris Gagliano ha sbugiardato una perizia psichiatrica che avvalorava la tesi del disturbo mentale, adesso chiede la revoca del processo. E perfino Giuseppe Rabbito, avvocato della difesa, stenta a raccapezzarsi: da un lato il suo assistito gli ha questa mattina – tramite una seconda lettera – revocato l'incarico; dall'altro Luigi Russo, che presiede la Corte d'appello, lo ha nominato difensore d'ufficio per garantire la continuità di un processo che ha definito «un caso da Settimana enigmistica del codice di procedura penale».

La perizia psichiatrica richiesta dalla corte non è ancora ultimata e dovrà essere depositata il 3 marzo. Finora, quindi, non c'è alcuna certezza sullo stato mentale dell'omicida. «Quel che è certo è che ci sono stati numerosi campanelli d'allarme – spiega Rabbito – A settembre i medici della casa circondariale di Siracusa hanno ordinato per lui un trattamento sanitario obbligatorio, questo vorrà pur dire qualcosa». La diagnosi dei dottori del carcere era di «schizofrenia paranoide». E allora perché rinunciare a un ricorso in appello che si basa proprio sull'infermità mentale? «Sembra quasi che Loris abbia più paura della perizia che della galera – sostiene il difensore – Lui dice da sempre di essere perfettamente sano di mente, e teme che adesso i periti lo dichiarino incapace di intendere e di volere».

Quello dell'infermità mentale è il nodo più difficile da sciogliere. «Il procedimento si basa sul fatto che l'imputato sia in grado di capire cosa gli sta succedendo», aggiunge Pierpaolo Montalto, legale recentemente nominato da Giovanni Noce, padre di Stefania. E la Cassazione rafforza la sua tesi: «Ci sono sentenze che stabiliscono che un imputato sia senziente fino a prova contraria, e la prova contraria in questo caso non c'è». La richiesta di Montalto, così come quella degli altri avvocati di parte civile, è di accogliere le istanze di Gagliano. Ma il giudice ha scelto la strada della prudenza: «Non siamo attualmente in condizione di stabilire l'ammissibilità delle richieste dell'imputato, le perizie devono essere concluse».

Nel frattempo, continuano gli accertamenti di criminologi e psichiatri. Il 4 gennaio il ragazzo è stato sentito in carcere. «Ha mostrato un atteggiamento parzialmente collaborativo», riferisce Filippo Lanaia, specialista in malattie nervose e mentali e consulente della famiglia Noce. «Al termine del colloquio – continua il medico – Loris ha pure chiesto di poter parlare liberamente». Il 29 gennaio, Gagliano avrebbe dovuto essere sottoposto a una serie di test. Ma questi ultimi, per ragioni ancora da chiarire, non sono stati eseguiti.

La prossima udienza è fissata per il 4 marzo. La settimana successiva, il 10 marzol'aula A2 del Monastero dei Benedettini sarà intitolata a Stefania Noce. Sulla targa commemorativa, anticipano le associazioni promotrici, ci sarà una frase con la quale la giovane donna aveva concluso un suo scritto sul femminismo. E che dice: «Nessuna donna può essere proprietà oppure ostaggio di un uomo, di uno Stato, né tantomeno di una religione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×