Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Iblis, i pm chiedono 355 anni di carcere
Più di 20 per Santapaola, 17 per Fagone

E' arrivato oggi uno dei momenti più attesi del processo sulle presunte collusioni politico-mafiose-imprenditoriali nel Catanese. Alla fine della lunga requisitoria i pm hanno formulato le proprie richieste di condanna. Dure, tra aggravanti e pene accessorie, più di quanto si attendessero i familiari. Quasi cento anni in più di quelli chiesti in primo grado nel filone abbreviato della stessa indagine, tra le accuse principali di associazione mafiosa e concorso esterno - Leggi la cronaca dell'intero processo

Claudia Campese

Trecento e poco più. E' la somma degli anni di carcere chiesti dai pubblici ministeri Agata Santonocito e Antonino Fanara per gli imputati del processo Iblis, imprenditori e politici accusati di essere scesi a patti con presunti esponenti mafiosi. Oggi, alla fine della requisitoria dei magistrati, le risate e i borbottii delle difese e del pubblico che hanno spesso animato l'aula, hanno fatto posto alle lacrime dei familiari, soprattutto mogli e figlie degli imputati. Che durante il processo aspettavano questo momento, considerandone l'esito scontato ma non così duro. Tra aggravanti e pene accessorie, sono quasi cento gli anni in più di quelli chiesti in primo grado nel filone abbreviato della stessa indagine. Poche le assoluzioni elencate dai pm, relative ad alcune delle estorsioni analizzate nel processo e in un primo momento addebitate a Pasquale Oliva, Rosario Di Dio e Vincenzo Aiello. Per i quali il bilancio resta comunque pesante.

Tra gli accusati di associazione mafiosa è proprio Pasquale Oliva l'imputato per cui i pm chiedono la pena maggiore: 28 anni di reclusione, come capo e promotore, accusato anche di alcune estorsioni aggravate dal metodo mafioso e di riciclaggio. Oliva avrebbe gestito l'area del Calatino per conto di Cosa nostra catanese insieme a Rosario Di Dio per cui sono stati chiesti - anche per l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso - 26 anni e 8 mesi. A capo dell'organizzazione etnea, secondo i magistrati, sarebbe stato poi Vincenzo Santapaola, per cui sono stati chiesti 21 anni e 4 mesi di reclusione. Gli altri accusati di associazione mafiosa e le pene per loro richieste sono: Giovanni Buscemi, 16 anni; Angelo Carbonaro, 12 anni; Natale Ivan Filloramo, 21 anni e 4 mesi; Massimo Oliva, 16 anni; Francesco Pesce, 15 anni; Giuseppe Rindon, 16 anni; Mario Scinardo, 15 anni; Tommaso Somma, 15 anni. All'associazione mafiosa si aggiungono le richieste di condanna per delle estorsioni aggravate dal metodo mafioso per l'ex assessore di Ramacca Giuseppe Tomasello (19 anni e tremila euro di multa) e, con l'aggiunta ancora dell'accusa di riciclaggio, per gli imprenditori Giovanni D'Urso (20 anni e novemila euro) e Carmelo Finocchiaro (22 anni e diecimila euro di multa).

Tra gli incriminati di concorso esterno in associazione mafiosa spicca il nome di Fausto Fagone, ex sindaco di Palagonia e deputato regionale Pid, per il quale i magistrati hanno chiesto 17 anni di carcere, compresa l'accusa di concussione per induzione. Le altre richieste di condanna per il concorso esterno riguardano gli imprenditori Santo Massimino e Sandro Monaco per i quali i pm hanno chiesto 12 anni di reclusione ciascuno. Accusati a vario titolo di estorsione aggravata dal metodo mafioso e riciclaggio sono infine Vincenzo Aiello (25 anni e 6 mesi e 14.400 euro di multa); Giuseppe Brancato (4 anni); Rosario Cocuzza (4 anni); Mario Ercolano (14 anni e settemila euro di multa); Carmelo Mogavero (3 anni e 8 mesi).

Oltre alle condanne, i pubblici ministeri hanno formulato alla corte anche le proprie richieste di confisca dei beni degli imputati, alcuni già sotto sequestro. Tra le società nel mirino della procura etnea - che chiede la confisca dell'intero patrimonio aziendale e non solo delle quote - ci sono il distributore Agip di Salvatore Di Dio (fratello dell'imputato Rosario, ndr) sulla Catania-Gela, teatro di numerose intercettazioni; la Impregel di Franco Pesce e la Templari srl di Carmelo Finocchiaro. E ancora terreni, conti correnti bancari, polizze assicurative, appartamenti - come quello a Roma di Sandro Monaco e quello di Pesce al residence Le Spiaggette di Augusta - e diverse auto. La Ferrari California e le 500 abarth di Giovanni D'Urso, ad esempio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×