Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, smantellato il clan di Orazio Privitera
A gestirlo era la moglie Tina Balsamo

Attività tradizionali come estorsioni - tra cui quella al villaggio turistico La Cucaracha - e traffico di droga, ma anche più moderne truffe per ottenere i finanziamenti europei per l'agricoltura. Business illeciti gestiti da Agata Balsamo anche grazie ai continui contatti con il marito, nonostante la detenzione dell'uomo in regime di 41 bis. Insieme a lei, sono stati arrestati questa mattina all'alba altri 24 presunti affiliati, quasi tutti in libertà. Due sono ancora ricercati e altre 27 persone risultano indagate

Claudia Campese

«Un gruppo criminale dalle attività con radici lontane ma sviluppi molto moderni». E retto da una donna, Tina. Al secolo Agata Balsamo - imprenditrice agricola incensurata e moglie di Orazio Privitera, storico boss catanese oggi detenuto al 41 bis - era vertice decisionale ma anche mediatrice dei conflitti e dispensatrice dei privilegi. E' il nuovo assetto del clan mafioso etneo dei Carateddi scoperto dalla direzione investigativa antimafia di Catania che - in collaborazione con gli uffici di Siracusa, Milano e Torino - all'alba ha arrestato 25 persone, quasi tutte libere, ed è ancora alla ricerca di due presunti esponenti del clan sfuggiti alla cattura. Insieme a loro, l'indagine conta altri 27 indagati sospettati di aver contribuito a una serie di truffe all'Agea (Agenzia per le erogazioni agricole), una delle attività al passo con i tempi preferite dal clan e che ha dato il nome all'operazione delle forze dell'ordine: Prato verde.

«Nonostante gli arresti di diversi anni fa, il gruppo dei Carateddi continua ad essere attivo e tenta di espandersi coprendo dei vuoti anche nell'area di Caltanissetta», spiega il procuratore capo etneo Giovanni Salvi. Radicato da Bicocca a Siracusa, compresa l'area di Scordia e Palagonia, il clan si occupa da sempre dei tradizionali business mafiosi: dal traffico di droga alle estorsioni. Come quella accertate dagli inquirenti ai danni della stazione di servizio Q8 lungo l'asse dei servizi etneo e al villaggio turistico La Cucaracha, alla Playa etnea, a cui il clan avrebbe imposto la gestione del parcheggio.

Ma dal marzo del 2011 all'ottobre del 2012, periodo delle indagini, gli investigatori hanno scoperto un'evoluzione della tradizionale guardiania, il sistema di protezione mafiosa imposta ai proprietari beni. A volte ignari, più spesso minacciati, gli intestatari degli terreni venivano costretti a presentare delle domande per accedere ai contributi europei erogati dall'Agea. «Le contribuzioni vengono rilasciate sulla base di un'autodichiarazione delle particelle di terreno destinate all'attività agricola - spiega il magistrato Pasquale Pacifico - Il clan distribuiva tra i soggetti vicini le particelle di terreno che facevano riferimento a ignari intestatari». Ma a intascare i finanziamenti era il gruppo criminale, «almeno un milione e mezzo tra il 2011 e il 2012». A cui si sono aggiunti i guadagni delle «truffe sulle forniture di carburante per uso agricolo a prezzi agevolati che invece veniva immesso nuovamente nel mercato grazie a distributori compiacenti», continua il magistrato.

[caption id="attachment_108415" align="alignleft" width="256"] Agata Balsamo, classe 1967, imprenditrice agricola incensurata e moglie del boss Orazio Privitera, accusata di aver preso il posto di comando che era del marito[/caption]

A gestire tutte le attività, vecchie e nuove, erano Agata Balsamo, Giuseppe Privitera e Giacomo Cosenza, detto Alfonso. «Tina Balsamo ha mantenuto le redini del gruppo anche attraverso i contatti con il marito nonostante il regime di 41 bis - spiega Pacifico - Ne manteneva economicamente gli affiliati, mediava i conflitti e impartiva le linee di strategia, anche molto particolari e spesso violente, almeno nelle intenzioni». La donna poteva contare su un gruppo coeso «in cui gli affiliati erano per lo più vicini a Orazio Privitera (marito di Agata Balsamo, ndr) per vincoli di parentela o affinità». Un gruppo affiatato almeno fino al pentimento di Giacomo Cosenza (omonimo del vertice), che avrebbe provocato non poche fibrillazioni all'interno del clan. Come dimostrano le intercettazioni dove un affiliato, lamentandosi con Tina Balsamo, lascia da parte per una volta il frasario criptico di solito utilizzato con scrupolo del clan e sbotta: «Quando c'era una cosa di queste... Uno di questi faceva queste cose gli iniziavi a sterminare ...incomprensibile... quello che gli dovevi sterminare». «A verità», è la secca risposta di Balsamo.

Insieme a lei, Giuseppe Privitera e Giacomo Cosenza - entrambi imprenditori agricoli pregiudicati -, gli altri arrestati questa mattina con l'accusa, a vario titolo, di associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni, truffa aggravata e porto illegale di armi sono: i pregiudicati Giovanni PriviteraCarmelo Abate, Domenico Botta, detto Tirrimotu; Giuseppe Buda, già detenuto; l'autotrasportatore pregiudicato Orazio Buda; Antonio Caruso, ambulante pregiudicato; Alfio Cosenza, detto TuriGiuseppe Cosenza, detto Pinocchio; gli imprenditori Franco e Salvatore Marino, Francesco Pasqua, Francesco Martino Platania, Alfio Vecchio; il pregiudicato Salvatore Russo, detto Turi baffo. Da questa mattina sono invece agli arresti domiciliari per detenzione e cessione di sostanze stupefacenti: le due incensurate Natala Sulfaro e Maria Dinca; i pregiudicati Angelo Vasta, Salvatore Cicero, Anthony Di Pietro, Michele Viscuso; gli incensurati Emiliano Antonino Di Mauro, autotraportatore, e Francesco Tosto, autista.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.