Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Raffaele Lombardo, dicevano di lui dal Pd
Le riforme, Lumia e Cracolici i protagonisti

La condanna per i rapporti con la mafia dell'ex governatore siciliano ha subito fatto tornare alla memoria, soprattutto dei cittadini, la travagliata fase di governo a Palermo andata avanti dal 2009 al 2012 con l'appoggio del partito democratico siciliano. A cui oggi da più parti si chiede una riflessione su quel controverso periodo. Guarda l'infografica con le parole chiave di quegli anni

Claudia Campese

Una riflessione. E' quello che in queste ore si chiede da più parti al Partito democratico siciliano. A farlo non sono soltanto gli avversari politici, ma anche e soprattutto i cittadini. Ai quali la condanna per concorso esterno in associazione mafiosa per l'ex governatore siciliano Raffaele Lombardo ha subito fatto tornare alla memoria la travagliata fase di governo andata avanti con l'appoggio del Pd. E che, ripescando le dichiarazioni dei protagonisti di quel momento, porta con sé diverse parole chiave: dai nomi di chi ha sostenuto quella decisione a quelli degli oppositori, passando per la spiegazione data agli elettori, le riforme.

«Abbiamo creato le condizioni  per far saltare il tappo del potere clientelare-affaristico-mafioso e fare le riforme che servono alla Sicilia e ai siciliani», diceva il senatore democratico ed ex presidente della commissione antimafia Beppe Lumia, tra i principali sostenitori del progetto. All'inizio, nel 2009, solo un appoggio esterno. Utile al governatore che aveva appena rotto con il Pdl. Ma l'anno dopo, nel 2010, il Pd dava il suo sostegno al quarto rimpasto voluto da Lombardo, con una giunta tecnica. Un sodalizio politico concluso a maggio del 2012, quando il partito democratico ritira l'appoggio al governatore che aveva già annunciato le sue dimissioni, arrivate a luglio.

«Il Pd in Sicilia non sta inseguendo né il poltronismo né il gattopardismo. Nei limiti del contesto siciliano, dove i giudizi e i pregiudizi morali spesso prendono il sopravvento su quelli politici, il Pd ha fatto quello che poteva: investire sulla fine del sistema politico e contribuire a dare una soluzione alla crisi. Ha così puntato sul riformismo per costruire un quadro più avanzato», spiegava Antonello Cracolici, capogruppo del Pd all'Ars.

Nell'imbarazzo generale, il segretario regionale Giuseppe Lupo sceglieva, anche lui, di fare appello alla necessità delle riforme: «Il centrodestra è stato fatto a pezzi e si è autoribaltato, ha ridotto questa regione a una condizione economica e sociale disastrosa. Questo ci spinge ad un'assunzione di responsabilità e a provvedere alla necessità di riforme importanti con un progetto di rilancio dello sviluppo economico».

Aperti oppositori della strategia sono stati Enzo Bianco, oggi sindaco di Catania, e Rita Borsellino, ex candidata come primo cittadino palermitano. Tra appelli e petizioni, i due dichiaravano: «E' contro l’interesse dei siciliani sostenere un governo inadeguato alla complessità delle questioni che la Sicilia deve affrontare. Non ha risolto alcuno dei problemi che affliggono la Sicilia e la maggioranza è andata in pezzi non sulle ricette per risolvere i problemi, ma sulle formule per spartirsi il potere».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×