Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, manifestazione vietata dalla Questura
Gli attivisti: «Il corteo si farà lo stesso»

I comitati No Muos torneranno domani in strada a Niscemi, per protestare contro il completamento delle tre parabole dell'impianto militare di telecomunicazioni Usa. L'appuntamento sarà alle 14e30 in contrada Ulmo, nonostante alcune prescrizioni della questura di Caltanissetta che intimavano una modifica del percorso. Considerate irricevibili dagli organizzatori. «Non è accettabile che una decisione di natura politica venga celata dietro una scelta che si spaccia per tecnica», spiegano gli attivisti

Salvo Catalano

Domani è un giorno importante per il Movimento No Muos, che per la prima volta torna in strada in una manifestazione nazionale a Niscemi dopo che le tre parabole dell'impianto militare di telecomunicazioni Usa sono state issate. Tuttavia la questura di Caltanissetta ha dapprima vietato il corteo e successivamente, quando gli attivisti hanno presentato una richiesta con un percorso parzialmente diverso, ha comunicato una serie di prescrizioni che gli organizzatori hanno considerato irricevibili. «La manifestazione si farà lo stesso, anche senza le autorizzazioni, sul tragitto già seguito nella manifestazione del 9 agosto 2013. Non è accettabile che una decisione di natura politica venga celata dietro una scelta che si spaccia per tecnica, i cui motivi formalmente sarebbero l'incolumità dei partecipanti e il rischio incendi nella Sughereta». E' questa la presa di posizione del Coordinamento regionale dei comitati.

L'appuntamento viene quindi confermato per domani pomeriggio alle 14.30 in contrada Pisciotto. La questura di Caltanissetta ha dapprima vietato la manifestazione, di cui gli attivisti avevano dato comunicazione il 20 febbraio. I motivi del no starebbero in una relazione della Forestale che, in occasione del corteo del 9 agosto, ha riscontrato una serie di difficoltà logistiche per la sicurezza: i sentieri angusti e cespugliosi su cui si era snodato il tracciato, difficilmente raggiungibili dalle ambulanze e il potenziale panico che si sarebbe potuto scatenare tra i partecipanti nel caso di un incendio.

A fronte del divieto, giovedì il comitato di Niscemi ha presentato una nuova richiesta con alcune variazioni sul percorso, chiedendo di partire dal cancello numero 1 della base, passare da contrada Polo e raggiungere il cancello numero 4 in contrada Pisciotto, da cui è visibile l'impianto Muos. Ma anche in questo caso la risposta della questura è stata parzialmente negativa. L'ordine è di fermarsi in contrada Polo, senza proseguire oltre e di parcheggiare le auto o gli autobus dei partecipanti lungo la strada provinciale. «Non ci permettono di arrivare ad un punto in cui le parabole sono visibili e ci obbligano a lasciare le auto a sette chilometri dal luogo del concentramento, dando vita in sostanza ad un altro corteo». I comitati hanno fatto sapere che non rispetteranno quanto ordinato dalla questura. «Il corteo si farà lo stesso», annunciano.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews