Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, confiscata la Geotrans di Ercolano
Dia: «Un patrimonio da oltre dieci milioni»

Sequestro e contestuale confisca per una delle più grandi aziende di trasporti del Sud Italia: dopo le indagini della Direzione investigativa antimafia etnea l'impresa riconducibile allo storico braccio destro di Nitto Santapaola è da oggi sotto amministrazione giudiziaria. Il provvedimento arriva dopo la sentenza di primo grado, a Roma, per la partecipazione nella gestione criminale con i clan dei Casalesi del mercato ortofrutticolo di Fondi, ma «importanti elementi sono emersi grazie all'operazione Iblis», sottolinea il procuratore etneo Giovanni Salvi. Guarda il video 

Leandro Perrotta

Una delle più grandi aziende di trasporti del Sud Italia, la Geotrans srl, è stata sequestrata dopo due anni di indagini patrimoniali condotte dalla direzione investigativa antimafia di Catania. Un fatturato di oltre cinque milioni di euro, 120 mezzi e trenta dipendenti: sono questi i numeri dell'azienda, riconducibile a Giuseppe Ercolano, detto Pippo. Morto due anni fa, era cugino, cognato e storico braccio destro del boss di Cosa nostra Nitto Santapaola. L'azienda, a cui fanno capo un gruppo di imprese dal valore stimato di oltre dieci milioni di euro, era formalmente intestata ai figli Vincenzo e Cosima Palma Ercolano. Tra le aziende facenti capo a Pippo Ercolano figurano anche la Avimec, azienda di trasporto su gomma già sequestrata, e la Geotrans logistica frost, posseduta al 99 per cento dalla Geotrans srl. L'azienda si occupa, con uno stabilimento particolarmente all’avanguardia, di deposito di surgelati per la Sicilia orientale.

&feature=youtu.be

«Tutto ha avuto inizio dalle indagini sul mercato ortofrutticolo di Fondi, controllato dai clan dei Casalesi e dei Mallardo di Giuliano - spiega Renato Panvino, da pochi giorni a capo della Dia Centro di Catania - In quel contesto è stata individuata una collaborazione della Geotrans per il trasporto dell'ortofrutta al Sud Italia, operato in maniera monopolistica grazie alla forza intimidatorie del cognome Ercolano». «C'è da sottolineare come siano stati operati insieme il sequestro e la confisca dei beni - precisa il procuratore etneo Giovanni Salvi - con la forza di una sentenza di primo grado a Roma». A riguardo dell'esito processuale, il procuratore precisa la situazione di Vincenzo Ercolano, imputato nel procedimento: «Nei suoi riguardi non è stata emessa nessuna misura personale perché non si è ritenuto ci fossero i presupposti - continua Salvi - Ma è stato comunque disposto il sequestro della ditta applicando al padre, anche se già deceduto, la normativa che permette il sequestro di soggetto pericoloso, utilizzando elementi emersi durante l'indagine etnea Iblis».

«Nel corso dell'indagine Iblis - spiega il colonnello del Reparto operativo speciale dei Carabinieri di Catania Lucio Arcidiacono - Giuseppe Ercolano è stato intercettato e fotografato mentre incontrava esponenti di rilievo della criminalità organizzata, riguardo alla costruzione del centro commerciale La Tenutella, oggi Centro Sicilia, dov'erano impegnati anche i mezzi Geotrans». Un lavoro che avrebbe comportato non pochi dissidi all'interno di Cosa nostra etnea, spingendo Ercolano a trattare con il presunto rappresentante provinciale Vincenzo Aiello. L'indagine ha avuto origine anche dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Santo La Causa, reggente della famiglia di Cosa Nostra catanese dal 2007 al 2009, di Gaetano D'Aquino, esponente del clan contrapposto Cappello, e di Carmelo Barbieri, uomo d'onore della famiglia mafiosa di Caltanissetta.

«Si sta tentando di far rientrare l'azienda nella gestione imprenditoriale statale, in modo tale da salvaguardare la situazione occupazionale», conclude Renato Panvino. Sulla vicenda arriva anche il commento di Claudio Fava, deputato di Sel e vicepresidente della Commissione Antimafia. «Il sequestro segna un rilevante cambio di passo rispetto a una famiglia mafiosa, e a un patrimonio, che negli anni passati avevano ricevuto trattamenti benevolenti da parte di alcuni uffici giudiziari e di importanti ambienti imprenditoriali della città», commenta Fava. Che, sottolineando la «scelta di rigore e di puntiglio istituzionale che va a merito della Dia, della Procura della Repubblica e della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Catania», auspica la restituzione della della societa' e «all'economia legale garantendo la rigorosa tutela dei livelli occupazionali», conclude. Le operazioni di confisca da parte dell'ufficiale giudiziario del Tribunale di Catania, coadiuvato dagli agenti della Dia e dei carabinieri del Ros, sono tuttora in corso.

[Foto di Geotrans srl]

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×