Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

I Briganti e l'assegnazione del San Teodoro
«Da otto anni nessuna risposta dai politici»

La squadra di rugby di Librino ha presentato una richiesta protocollata all'assessorato al Patrimonio per avere in gestione l'impianto occupato il 25 aprile del 2012. Da anni vanno avanti i contatti con le amministrazioni, ma le attese e le speranze dell'associazione sono state puntualmente deluse. «Adesso sappiamo almeno chi è il nostro vero interlocutore ma, considerati i precedenti, se anche l'assessore fosse mio padre non mi fiderei», spiega il presidente Stefano Curcuruto

Salvo Catalano

Il prossimo 25 aprile i Briganti Rugby di Librino festeggeranno il secondo anniversario della liberazione del Campo San Teodoro. Una grande struttura, con palestre, spogliatoi, due campi, delle bellissime tribune in cima a una collinetta dalla quale la vista si allarga sul quartiere e fino al mare. Costruito per le Universiadi del 1997, abbandonato e mai ultimato. Al momento della loro fondazione, nel 2006, i Briganti si diedero due obiettivi: allontanare i ragazzi e i bambini di Librino dalle strade attraverso il rugby e riqualificare il San Teodoro, aprendolo al quartiere e facendolo diventare la sede delle loro attività sportive. Una missione che non si è fermata con l'occupazione del 2012. Ma che continua anche attraverso le vie istituzionali. Il 13 marzo scorso il presidente Stefano Curcuruto ha presentato una richiesta protocollata al Comune di Catania per avere in gestione ufficialmente la struttura. Destinatari della missiva sono il sindaco Enzo Bianco, la direzione dell'Economato e del Patrimonio e l'assessore al Bilancio Giuseppe Girlando, da cui il campo dipende.

«La via istituzionale non si è mai chiusa - spiega Curcuruto - Altre volte le richieste erano state informali, in passato abbiamo anche depositato settemila firme, stavolta, grazie anche al lavoro avviato con la precedente amministrazione, sappiamo almeno chi è il nostro interlocutore, cioè l'assessorato al Patrimonio a cui appartiene l'impianto». Le difficoltà nel gestire una struttura così grande sono molte, servono risorse economiche e fisiche. Per questo i Briganti, nel caso di un'eventuale risposta positiva da parte dell'amministrazione, lasciano le porte aperte ad altre squadre e gruppi. «Ben vengano col tempo altre società sportive che vogliano usare la struttura e che facciano da supporto. Non abbiamo certo aperto per poi richiudere», sottolinea il presidente.

I contatti con la nuova amministrazione, che ha mostrato interesse a capire e trovare una soluzione alla vicenda, sono stati mediati da Fabio Pagliara, l'esperto del sindaco per lo sport. Ma i tentativi, le mezze promesse, le speranze e le attese svanite a pochi metri dal traguardo, come nell'ultima campagna elettorale, hanno resto i Briganti estremamente prudenti. «Da otto anni vado dietro a tutti i politici, quindi, anche se l'assessore fosse mio papà, non mi fiderei - ammette Curcuruto - Da parte nostra continueremo a fare pressing sull'amministrazione per non far morire questa richiesta».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×