Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania archeologica, la galleria degli orrori
Deposito di arrusti e mancia sulla necropoli

Una segnalazione anonima, seguita da una denuncia ai Carabinieri, non è bastata affinché la sovrintendenza ai Beni culturali etnei riuscisse a entrare in un garage al civico 5 di via Antico Corso per controllare quello che resta di un antico sepolcro romano. Accanto al quale si trovano invece sedie e ombrelloni dei barbecue di via Plebiscito. Solo uno dei tanti casi in una Catania che non si cura dei suoi tesori

Claudia Campese

Sedie e ombrelloni degli arrusti e mancia serali conservati accanto a un sepolcro romano. Che nessuno, almeno negli ultimi anni, ha mai visto davvero con i suoi occhi. Nemmeno la sovrintendenza ai Beni culturali di Catania. Quella di via Antico Corso al civico 5, quasi all'angolo con via Plebiscito, è solo una delle occasioni archeologiche sprecate dal capoluogo etneo. Tra beni di cui rimane traccia solo negli studi dei decenni – e a volte dei secoli – passati e strutture antiche diventate private di fatto. Sullo sfondo di una città che non si cura dei suoi tesori.

Come le necropoli, che a Catania sembrano abbondare, tanto da perderne la memoria. Fino a quando, nel 2011, una segnalazione anonima non fa sapere al Parco archeologico greco romano cittadino dell'utilizzo abusivo di un ambiente all'interno del quale venne rinvenuto in passato un sepolcro antico. Un caso non nuovo alla Sovrintendenza etnea che già nel 1998 aveva effettuato un sopralluogo, il cui esito però non è riportato in nessun documento ufficiale.

La vicenda comincia negli anni '50, in una città in pieno sviluppo urbanistico, quando nella zona dell'Antico Corso si decide di sacrificare le necropoli ritrovate durante i lavori per l'edificazione delle case popolari. Tutte tranne una - quella segnalata dall'anonimo cittadino - che ancora oggi dovrebbe trovarsi in un locale di proprietà dell'ex Istituto autonomo case popolari di Catania. Il condizionale è d'obbligo, considerato che - anche dopo la segnalazione e la successiva denuncia formale della sovrintendenza ai Carabinieri - nessuno è mai riuscito a entrare per controllare lo stato del bene. E dall'Iacp non è mai arrivata alcuna comunicazione.

A fingersi turisti, passando per via Antico Corso e soffermandosi al numero civico 5, davanti a una saracinesca chiusa e malandata, si guadagna l'occhiata sospetta delle sentinelle della zona. Inutile chiedere di quei resti archeologici letti di sfuggita su un libro, perché «ca nenti c'è». Non c'è niente. Almeno per cittadini e turisti, così come in tante altre zone della città. Una galleria degli orrori che prosegue nei prossimi giorni su CTzen.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.