Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Processo Noce, entro maggio la perizia
«Gagliano si prende gioco della Corte»

Finirà entro l'estate il procedimento di secondo grado contro Loris Gagliano, condannato all'ergastolo per l'omicidio della ventiquattrenne Stefania Noce e del nonno di lei Paolo Miano. Il nodo che sarà sciolto entro giugno, dopo mesi di attesa, è quello che regge l'Appello: se, cioè, l'imputato sia capace o meno d'intendere e di volere. «È difficile – spiega lo psichiatra – perché lui studiava Psicologia e conosce le procedure cliniche»

Luisa Santangelo

Il giudice credeva che sarebbe stata un'udienza breve, con poche comunicazioni non troppo urgenti. Invece Loris Gagliano ha di nuovo scombinato le carte di un procedimento, quello d'Appello, che avrebbe dovuto essere lineare e che, invece, è pieno di colpi di scena. Come quello di oggi, quando il giovane ha rinunciato a prendere parte al processo, dopo essere stato trasferito da Roma – dove è in osservazione psichiatrica – al tribunale di Catania. Il ventiseienne, originario di Caltagirone, era stato condannato all'ergastolo ad aprile 2013, per aver ucciso, il 27 dicembre 2011, la sua ex fidanzata Stefania Noce, all'epoca ventiquattrenne, e il nonno di lei, il settantunenne Paolo Miano.

Nel corso dell'ultima udienza, il 4 marzo 2014, la Corte aveva stabilito che Gagliano avrebbe dovuto essere trasferito per qualche tempo a Roma, nel nuovo complesso della casa circondariale di Rebibbia. Per evitare troppi viaggi e le conseguenti spese, il giudice Luigi Russo aveva consigliato all'avvocato della difesa Giuseppe Rabbito di invitare l'imputato a rinunciare all'udienza di questa mattina: «In via del tutto informale – precisa il magistrato – Solo per una questione di comodità e di rapidità». E Loris Gagliano, conferma Rabbito, si era detto d'accordo. «Tuttavia, non ha mai formalizzato la richiesta di rinuncia e si è poi rifiutato di incontrarmi – spiega il legale – Quindi, nostro malgrado, siamo qui». Senza l'imputato, che ha comunicato le sue intenzioni di non partecipare alla seduta solo una volta arrivato al Palazzo di giustizia etneo. Ma, soprattutto, senza la perizia sullo stato mentale dell'assassino, ancora incompleta.

E mai come in questo caso le osservazioni dei due periti nominati dal tribunale – gli psichiatri Bruno Calabrese e Francesco Bruno, noti a livello nazionale e spesso ospiti dei salotti televisivi – sono essenziali per lo svolgimento del procedimento. Perché a febbraio Loris Gagliano ha chiesto l'annullamento del ricorso in Appello, e potrà essere accontentato solo se sarà dichiarato capace d'intendere e di volere.

«Con le sue azioni contraddittorie e i suoi continui cambiamenti d'idea, l'imputato sta gestendo il processo come meglio crede», arringa Enzo Trantino, avvocato di Gaetana Ballirò e Rosetta Miano, rispettivamente nonna e madre di Stefania Noce. «Si sta prendendo gioco della Corte – procede l'avvocato – E noi non possiamo più essere umiliati da questo signore». «Volete ancora dargli corda? Volete ancora fare quello che vuole lui?», urla dal pubblico Ninni Noce, padre della studentessa uccisa. La protesta, però, è troppo vivace e l'uomo viene accompagnato fuori dall'aula.

È a questo punto che prende la parola Bruno Calabrese («Qualcuno ha notizie del perito?», chiede il giudice Russo prima di notarlo in mezzo ai banchi degli avvocati). «Il 12 e il 13 marzo ho incontrato Gagliano per sottoporgli dei test psicodiagnostici», sostiene il medico. Che domani andrà al carcere di Siracusa per un'altra visita. Del resto, ammette: «Il caso è complesso e difficile sul piano diagnostico». La ragione è semplice: Loris Gagliano era uno studente di Psicologia, «e conosce le procedure cliniche». «Un'osservazione psichiatrica continua – conclude il perito – è necessaria». Per questa ragione, la prossima udienza è stata fissata tenendo conto di trenta giorni di monitoraggio a Rebibbia ed è stata nuovamente prorogata la scadenza per la consegna della perizia psichiatrica, che dal 3 maggio è stata spostata al 31 dello stesso mese.

La prossima udienza è fissata per il 3 giugno, mentre gli psichiatri saranno sentiti da magistrati e avvocati il 10. La chiusura del procedimento, per annullamento o sentenza, avverrà entro l'estate.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×