Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, confisca da 200 milioni a Scinardo
Ricchezza costruita all'ombra di Cosa Nostra

Undici imprese, 229 imobili e 90 automezzi. Un patrimonio enorme costruito in 15 anni partendo come allevatore e che adesso passa allo Stato. Mario Scinardo è incappato in numerose indagini sulla mafia di Messina e Catania per le sue amicizie pericolose: dai Rampulla di Mistretta, coinvolti nella strage di Capaci, a Vito Nicastri, re dell'eolico vicino al boss Messina Denaro. Una carriera ripercorsa dai pm del processo Iblis, che hanno chiesto per lui 15 anni di carcere. Guarda il video

Salvo Catalano

In 15 anni da allevatore era diventato un imprenditore con un patrimonio da 200 milioni di euro e interessi diversificati: dall'edilizia, all'agriturismo, dall'eolico al movimento terra. E attività che si estendevano in diverse province siciliane. Ma dietro il suo successo ci sarebbe Cosa Nostra. Sui beni di Mario Giuseppe Scinardo, originario di Capizzi, poi trasferitosi a Militello Val di Catania, legato alla famiglia mafiosa dei Rampulla di Mistretta, è scattata la confisca da parte della Direzione investigativa antimafia dopo la sentenza della Cassazione. Provvedimento che riguarda proprietà, mezzi e aziende tra Catania, Siracusa ed Enna. L'indagine su Scinardo, partita nel 2008, ha fatto emergere le sue amicizie pericolose, con elementi di spicco di Cosa Nostra siciliana. In primo luogo con Sebastiano Rampulla, morto nel 2010, ma fino a quel momento capo della potente mafia mistrettese e fratello di Pietro Rampulla, colui che mise a disposizione e fatto esplodere la bomba per la strage di Capaci in cui morirono Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta. I Rampulla, secondo gli inquirenti, sono stati sotto i Santapaola fino agli anni '90, per poi aumentare la propria autonomia con l'assenso dei La Rocca di Caltagirone. Ma il nome di Scinardo ritorna anche nell'indagine Iblis, sui rapporti tra Cosa Nostra catanese, imprenditori e politica.

http://youtu.be/uiFs5ELndFk

[caption id="attachment_114079" align="alignleft" width="225"] Mario Giuseppe Scinardo[/caption]

La confisca riguarda undici imprese, dedite all'edilizia, alla produzione di calcetruzzo, all'agriturismo e all'energie alternative. Proprio in quest'ultimo ambito, sono emersi anche contatti tra Scinardo e Vito Nicastri, il signore del vento di Trapani, ritenuto dagli investigatori vicino al latitante Matteo Messina Denaro e colpito da un maxi sequestro da un miliardo di euro. I due avrebbero collaborato per il progetto del parco eolico di Vizzini. In proposito, durante una delle udienze di Iblis, il pubblico ministero Antonino Fanara ricorda che in un pizzino, i Lo Piccolo di Palermo ordinavano di continuare a lavorare con Scinardo. Ancora nel processo su Cosa Nostra catanese, il colonnello Gaetano Scillia, dal 2004 al 2010 alla direzione della Direzione investigativa antimafia di Messina e attuale dirigente della Dia di Caltanissetta, ricostruisce le relazioni con il re dell'eolico. «Scinardo e Nicastri erano soci nella costruzione del parco eolico di Vizzini», racconta Scillia. La società Callari, riconducibile a Scinardo, tra il 2005 e il 2006 riceve dalla Regione un contributo a fondo perduto di 3milioni 280mila euro per la costruzione del parco. Il 20 giugno del 2006 arrivano anche le autorizzazioni richieste. «Otto giorni dopo – spiega il colonnello – la Callari srl viene acquisita dalla società Lunix, costituita proprio il 20 giugno, con sede in Lussemburgo, di cui uno dei soci è Nicastri».

Oltre alle imprese, passano sotto il controllo dello Stato anche 229 immobili sparsi tra le province di Catania, Siracusa ed Enna; 90 mezzi, tra camion, escavatori, trattori, mezzi agricoli e macchine di grossa cilindrata; undici capannoni agricoli; 61 silos; 60 rapporti finanziari e diversi capi di bestiame. «Un’anomala escalation patrimoniale ed imprenditoriale, ingiustificata dai redditi dichiarati da Scinardo e dal suo nucleo familiare», sottolineano gli investigatori della Dia.

E' lungo l'elenco di indagini in cui Scinardo è finito negli anni. L'ultimo, in ordine di tempo, è proprio il processo Iblis, per cui tra poche settimane arriverà la sentenza di primo grado. I pm Antonino Fanara e Agata Santonocito hanno chiesto per lui 15 anni di carcere con l'accusa di associazione mafiosa. Nella requisitoria i magistrati ricostruiscono la carriera dell'imprenditore di Capizzi. Ed è lui stesso a raccontare l'origine dei rapporti tra la sua famiglia e quella dei Rampulla. Che avrebbe avuto inizio nel momento in cui il padre di Scinardo si sarebbe rivolto alla famiglia di Mistretta dopo un furto di bestiame. Da lì, sottolineano i pm, il rapporto si sarebbe stretto. Lo testimoniano molti elementi: in alcune proprietà di Scinardo, come l'agriturismo di Casale Belmontino, si sono svolti summit mafiosi, alla presenza, tra gli altri di Sebastiano e Vito Rampulla, Pietro Iudicello, Carmelo Bisognano e Carmelo Barbagiovanni. Ed è sempre in uno degli immobili dell'imprenditore che avrebbe passato parte della sua latitanza Umberto Di Fazio, per anni considerato reggente della famiglia Santapaola a Catania, arrestato nel 2005 e diventato collaboratore di giustizia. E' lo stesso Di Fazio che racconta ai magistrati di essersi fidato di Scinardo proprio su presentazione di Rampulla. In una delle udienze di Iblis, il pm Fanara riporta la frase del pentito: «”È la stessa cosa che siamo noi“, disse Rampulla a Di Fazio. Una formula - sottolinea il magistrato - che, secondo Santo La Causa e Giovanni Brusca, viene usata tra uomini d’onore per presentarne un terzo».

A parlare di Scinardo alle udienze di Iblis, è anche uno dei più importanti teste dell'accusa, il maggiore dei carabinieri Lucio Arcidiacono, che parla delle relazioni catanesi dell'imprenditore, in particolare con Angelo Santapaola, ucciso nel 2007. Omicidio per cui è stato recentemente condannato all'ergastolo il boss Vincenzo Aiello, ritenuto il reggente di Cosa Nostra a Catania. «Una volta all’interno dell’organizzazione si discuteva del problema di alcune somme di denaro consegnate da Scinardo ma non indirizzate verso la bacinella - racconta Arcidiacono ai giudici – In quell’occasione, Aiello e Santapaola si accusavano a vicenda di averle fatte sparire».

Prima di Iblis, Mario Scinardo è stato indagato nell'operazione antimafia Icaro che ha smantellato i clan di Mistretta, Capizzi e Tortorici grazie alla collaborazione del pentito Santo Lenzo. Con l'operazione Montagna del 2007 emerse la sua contiguità con la famiglia mafiosa di Mistretta che estendeva la sua influenza sui paesi tirrenici di Capizzi, Caronia, Tortorici, San Fratello, Acquedolci e i comuni limitrofi. Scinardo fu arrestato e rinviato a giudizio, ma assolto nel 2012 dal Tribunale di Patti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews