Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania-Roma, accontentiamoci
Al Massimino una vittoria facile facile

«Che è successo, in fondo? La modesta Roma del derelitto Rudi Garcia se l’è cavata prendendo dal Catania soltanto quattro gol. Che la difesa giallorossa, notoriamente perforabile come un pezzo di gruviera ha evitato un passivo peggiore grazie alle parate di De Sanctis. Non sono queste le partite proibitive, ma quelle che ancora ci aspettano. Fin da domenica prossima, quando dovremo andare a far visita al Bologna». Per commentare il match di ieri, una vittoria insperata dopo tante brutte figure contro formazioni ben più abbordabili, al nostro blogger non resta che l'ironia. In attesa del finale

Claudio Spagnolo

Ma sì, dai, io direi che possiamo accontentarci. Che è successo, in fondo? La modesta Roma del derelitto Rudi Garcia se l’è cavata, al Massimino, prendendo dal Catania soltanto quattro gol. La difesa giallorossa, notoriamente perforabile come un pezzo di gruviera (fino ad oggi, in tutto il campionato, aveva già subito la bellezza di 19 reti), ha evitato un passivo peggiore grazie alle parate di De Sanctis, che nel finale ha negato almeno due volte il gol a Bergessio. Il nostro capitano Mariano Izco, centrocampista dalle spiccate doti di cannoniere, dovrà accontentarsi del magro bottino delle due reti segnate nel primo tempo. Capisco sì, qualcosa di più era anche lecito aspettarsela. Chi avevamo di fronte, in fondo? Una squadra che finora, in campionato, aveva raccolto la miseria di 85 punti. Che non aveva più obiettivi, se non quello trascurabile di restare matematicamente in corsa per lo scudetto e allungare a dieci il record delle proprie vittorie consecutive. Che schierava giocatori lenti come Gervinho, scarsi come Totti, privi di grinta come De Rossi. Non sono queste, certo, le partite difficili da affrontare, per una squadra come il Catania. Non sono questi gli avversari che possono metterti paura, o farti tremare le gambe.

Accontentiamoci dunque: oggi si è fatto proprio il minimo sindacale. Non è questo l’importante. L’importante è sapere che, anche quando i risultati non ci hanno sorriso come questa sera, il Catania ci ha sempre lasciato con la certezza di avere fatto tutto il possibile, di avere lottato fino in fondo, di essersi arreso solo quando aveva di fronte avversari irresistibili. Cosa possiamo rimproverare, a una squadra che è arrivata perfino a raccogliere un punto su sei negli scontri diretti con il Livorno (che oggi in classifica ci segue staccato di un punto, e la cui difesa è stata perforata solo settantaquattro volte?). Chi avrebbe potuto pretendere qualcosa di più, per dire, dallo scontro diretto di qualche settimana fa sul campo della corazzata Sassuolo, contro cui i rossazzurri sono perfino andati in vantaggio, per poi arrendersi a un inevitabile 1 a 3? E davvero potevamo pretendere un comportamento diverso domenica scorsa sul campo del Verona, dove abbiamo dignitosamente contenuto il passivo a soli quattro gol? Qualcuno può seriamente rammaricarsi – per citare solo qualche partita a caso – per non aver difeso fino alla fine il vantaggio casalingo con il Torino, per aver perso sul campo del Chievo, per essere usciti senza punti dal campo di squadre imbattibili come CagliariChievoGenoaUdineseSampdoria, Atalanta?

No, dai, davvero: non sono queste le partite proibitive. Proibitive, per il Catania, sono partite come quelle che ancora ci aspettano. Fin da domenica prossima, quando dovremo andare a far visita al Bologna: che in classifica ci precede di tre punti; che ha un attacco che è stato capace di segnare, in questo campionato, qualcosa come ventisette gol, appena tre meno di noi. Che annovera tra le proprie file giocatori di fama mondiale come Christodoulopoulos, o Friberg, o Krin. Roba che fa tremar le vene e i polsi.

No, non scherziamo. Ove mai la matematica, uno di questi giorni, dovesse contro ogni pronostico dirci che il Catania è retrocesso in serie B, dovremo farcene una ragione. Non potevamo davvero fare di più. È per questo che, della vittoria di oggi, possiamo soltanto sorridere e rallegrarci.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×