Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via Delpino, struttura pronta da gennaio
Ma resta vuota nonostante gli sbarchi

Il bene confiscato alla mafia, tornato in gestione al Centro Astalli dopo anni di attesa, è di nuovo la casa di accoglienza Don Pino Puglisi. Un immobile a norma, pulito e con 25 posti letto. Mancano solo gli immigrati. Dopo lo sbarco di stamattina, e anche dopo quello del 10 aprile scorso, i responsabili sono stati contattati dalla Prefettura per ricevere alcuni migranti. «Ma alla fine si rivela solo un'esercitazione», dicono. Guarda le foto

Agata Pasqualino

«La prefettura ci ha contattati per mandarci 20 minori non accompagnati tra i 163 sbarcati oggi al porto. Aspettavamo solo di sapere l'ora di arrivo e invece alla fine ci hanno detto che sono stati sistemati». Nella voce di Loriana Mola, una dei responsabili del Centro Astalli, la risata di chi è incredulo maschera la delusione. Quei minori dovevano essere i primi ospiti della casa di accoglienza Don Pino Puglisi di via Delpino, l'immobile confiscato alla mafia dato in gestione, dopo anni di attesa, al centro che si occupa di dare assistenza agli immigrati a Catania. La struttura, confiscata nel 2002 a Nicolò Maugeri della cosca Santapaola, era già stata affidata al Centro nel 2006 e ha funzionato come casa di accoglienza fino al 2008, quando per problemi strutturali era stata chiusa. Da gennaio - dopo una lunga attesa - è tornata funzionante. Può ospitare 25 persone e i volontari del centro l'hanno pulita e resa accogliente.

Alla dichiarazione di disponibilità della casa di accoglienza la Prefettura ha risposto con una raccomandata del 1 aprile, specificando che «al momento, non è prevista l'attivazione di nuove strutture emergenziali». Eppure non è la prima volta che il Centro Astalli viene allertato. Già in occasione dello sbarco del 10 aprile scorso i responsabili erano stati contattati dalla prefettura. Ma anche allora, come oggi, «è stato un falso allarme, solo un'esercitazione», dice Mola. Per aprire le porte della casa intitolata al prete palermitano ucciso da Cosa nostra dovranno ancora aspettare. «Aspettiamo che si realizzi quello che è il naturale sbocco di 15 anni di esperienza, cioè fare in via Delpino quello che facciamo già dalla mattina alla sera, solo che vorremmo farlo anche di notte», conclude l'altra responsabile Elvira Iovino.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×