Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Picanello, terminati i lavori al campo scuola
Pagati in parte da un anonimo imprenditore

La tribuna, gli spogliatoi, la parte confinante con la pista. Piccoli interventi, fondamentali per la vita quotidiana di oltre 200 appassionati di atletica che frequentano l'impianto cittadino. Un'operazione realizzata in sinergia tra l'amministrazione e la Federazione italiana di atletica leggera. Che, garantisce il presidente, non ha speso un euro. Grazie anche a uno sportivo benefattore che non vuole pubblicità. Guarda le foto

Carmen Valisano

«Abbiamo consegnato un impianto che adesso è più sicuro». Così Davide Bandieramonte, presidente provinciale della Federazione italiana di atletica leggera, presenta il risultato dell'impegno che in alcuni mesi ha contribuito a migliorare il campo scuola di Picanello. Un lavoro in sinergia con l'amministrazione comunale che si è occupata del rifacimento degli spogliatoi, della piccola tribuna e della creazione della scivola per l'accesso ai disabili. Alla Fidal, invece, è toccata la manutenzione straordinaria della parte esterna al campo. «C'erano delle sterpaglie ed erba alta che non consentivano di usufruire della pista - racconta Bandieramonte - E c'erano anche delle parti sconnesse, a causa delle spaccature provocate dalle radici degli alberi ad alto fusto». Grazie all'intervento «abbiamo un terreno più regolare», condizione che permetterà di usufruire di parte della struttura altrimenti inagibile. «In più abbiamo sistemato delle aree in cui c'erano dei tombini e delle caditoie che rendevano il passaggio insicuro, erano un pericolo».

Per questi lavori la federazione «non ha speso un euro», garantisce il presidente. «Sono stati svolti da un imprenditore catanese vicino al nostro mondo», svela. Un anonimo benefattore che «non vuole né pubblicità né riconoscimenti». «È un atleta, un amatore che ha corso e continua a correre e ha preso a cuore il nostro mondo», prosegue Davide Bandieramonte. Grazie «all'ottimizzazione delle risorse», il risultato raggiunto è un'ottima base di partenza. L'impianto ospita «200-300 persone al giorno». Ma a causa dei problemi strutturali «c'è stato un periodo di migrazione - confessa - Qualcuno ha preferito spostarsi nelle altre piste della provincia». Sportivi che, potenzialmente, potrebbero tornare a Picanello.

«Vorremmo provare a lavorare con l'amministrazione comunale affinché la manutenzione venga fatta costantemente - anticipa Bandieramento - La scommessa più grossa è quella della pista di atletica leggera che va rifatta». Ma sull'impegno Valentina Scialfa - assessore allo Sport, anche lei presente al sopralluogo - non promette nulla. «Non credo che a breve potremo avere delle risposte per la pista - chiarisce - Sono necessari dei fondi speciali».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×