Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

No Muos, il Gip dà speranza al Movimento
Approfondimenti sulla revoca della revoca

Il giudice per le indagini preliminari di Palermo ha respinto la richiesta di archiviazione del pm a proposito della denuncia presentata dall'associazione Rita Atria, contro Gaetano Gullo, il dirigente dell'assessorato regionale all'Ambiente che ha firmato il provvedimento che ha dato via libera all'ultimazione dell'impianto Usa. Nelle motivazioni il Gip sottolinea che la decisione è «in palese contrasto con il contenuto delle conclusioni dell'Iss, che sarebbero state travisate palesemente e deliberatamente»

Salvo Catalano

Spunta un nuovo filo di speranza per il movimento No Muos. E ancora una volta la buona notizia a cui aggrapparsi arriva dalla magistratura. Il giudice per le indagini preliminari di Palermo ha respinto la richiesta di archiviazione presentata dal pm a seguito della denuncia dell'associazione Rita Atria contro Gaetano Gullo, il dirigente dell'assessorato regionale all'Ambiente che il 23 luglio del 2013 ha messo la firma sull'atto diventato famoso come la revoca della revoca delle autorizzazioni. E che aveva in sostanza dato il via libera all'ultimazione delle parabole satellitari dell'impianto militare Usa. Il Gip Sergio Ziino chiede che si vada avanti nelle indagini e dà al pubblico ministero Pierangelo Padova ulteriori 180 giorni di tempo per approfondimenti. Secondo il giudice, la decisione di Gullo è «in palese contrasto con il contenuto delle conclusioni dell'Istituto superiore di sanità, che sarebbero state travisate palesamente e deliberatamente».

In particolare ritiene necessario acquisire i provvedimenti di revoca dell'assessorato regionale all'Ambiente e la delibera della giunta regionale contro cui aveva presentato ricorso il ministero della Difesa e chiede che venga ascoltato il professor Massimo Zucchetti, docente del Politecnico di Torino e consulente del Comune di Niscemi, e di tutti gli altri tecnici incaricati dall'Istituto superiore di sanità di redigere la famosa relazione sui rischi per la salute e che si sono dissociati dal contenuto finale.

«Una vittoria per noi, perché il giudice dà conforto ai nostri dubbi. Vuol dire che non erano così campati in aria come qualcuno credeva», commenta il legale dell'associazione Rita Atria, Goffredo D'Antona. L'accusa nei confronti del dirigente Gullo era di falso in atto pubblico, in particolare di aver riportato, a sostegno del provvedimento da lui firmato e voluto dalla giunta Crocetta, solo una parte della relazione dell’Iss. «Estrapola il testo da cui si evincerebbe la certezza che le parabole non fanno male alla salute, omettendo le conclusioni, dove l’Iss sottolinea che si tratta di pura teoria, da verificare in concreto e che, infine, quanto affermato non può essere usato a fini autorizzativi», spiegava al momento del deposito della denuncia D'Antona. Poco tempo dopo l'Istituto superiore di sanità pubblicava la relazione finale - dopo che una sintesi, da cui si evinceva il via libera al Muos, era stata fatta filtrare alla stampa mesi prima. Il documento integrale era accompagnato da una nota dove veniva sottolineato, per la prima volta in maniera così chiara, «la necessità di un’attenta e costante sorveglianza sanitaria della popolazione delle aree interessate, oltre che dell’attuazione di un monitoraggio dei livelli di campo elettromagnetico successivamente alla messa in funzione delle antenne Muos, anche in considerazione della natura necessariamente teorica delle valutazioni effettuate su queste specifiche antenne».

E' su questi aspetti - su cui il pm aveva chiesto l'archiviazione una settimana dopo l'assegnazione del caso - che il Gip vuole vederci chiaro. Le motivazioni alla base della decisione sono interessanti: sottolinea che la revoca della revoca arriva pochi giorni dopo il provvedimento di segno opposto del Tar della Sicilia, che il 9 luglio aveva invece respinto il ricorso del ministero della Difesa. E aggiunge che «le motivazioni del Tar - come la priorità assoluta del principio di precauzione - contraddicono le scelte di Gullo». Infine c'è il passaggio controverso sull'Istituto superiore di sanità: secondo il Gip la revoca della revoca, «pur ispirandosi ad alcuni passaggi effettivamente contenuti nella complessa relazione dell'Iss, risulterebbe in realtà in palese contrasto con il contenuto delle conclusioni dell'Iss, che sarebbero state travisate palesamente e deliberatamente in punta di fatto. E ciò - aggiunge il giudice - fino al punto che il 5 settembre lo stesso Iss avrebbe preso le distanze, dissociandosi dal contenuto del provvedimento del dirigente dell'assessorato all'Ambiente».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×