Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Amministrative a Motta Sant'Anastasia
Carrà batte Capuana per una manciata di voti

All'ombra del castello normanno si sfidano sette candidati sindaco e ben 329 aspiranti consiglieri comunali. Con un'affluenza di oltre il 74 per cento, a lungo ha dominato un intenso testa a testa tra Capuana (il figlioccio di Enzo Bianco) e l'ex presidente del consiglio comunale Anastasio Carrà. Staccato il giovane Danilo Festa

Carmen Valisano

La vittoria viene decretata quasi a mezzanotte. Per qualche lunga ora il risultato rimane ostaggio di una sezione, la numero 2. A ridosso dell'aula dell'istituto comprensivo (a Motta c'è un solo edificio per elementari e medie, con gli studenti costretti ai doppi turni) una folla cerca di captare qualsiasi segnale. «Chista ni sta tinennu cà», bofonchia una signora sulle punte mentre cerca di sbirciare oltre le teste dei concittadini. Obiettivo delle sue critiche è la presidente del seggio che ha deciso di far uscire tutti per condurre con più calma le operazioni. Ogni variazione viene ripetuta in un lungo passaparola che arriva fuori dai corridoi a chi è fermo a fumare. A tarda ora l'urna si svuota e la tensione si scioglie. Motta accoglie il nuovo sindaco, Anastasio Carrà, con un misto di scetticismo e perplessità.

Il neo eletto guiderà un Comune con una maggioranza di tredici voti. Scaramanzia a parte, sarà arduo il compito del primo cittadino di Motta Sant'Anastasia. Luogotenente dei carabinieri, presidente del consiglio comunale uscente, ha battuto di strettissima misura il candidato favorito, Daniele Capuana. Eletto con le civiche Il sole e Il quadrifoglio e con Articolo 4 (grazie all'appoggio dei deputati all'Assemblea regionale Valeria Sudano e Luca Sammartino), già da oggi Carrà dovrà fare i conti con un elettorato frammentato e questioni tanto urgenti quanto importanti. Una su tutte, l'ingresso nella città metropolitana catanese. Il Comune mottese porta con sé il boccone ghiotto di una delle discariche più grandi di tutta la regione, quella di contrada Tiritì-Valanghe d'inverno di proprietà della Oikos spa. Ed è proprio l'eccessiva ambiguità sul tema discarica uno degli argomenti che i detrattori del neo sindaco gli hanno da sempre rimproverato.

Ma assieme ai problemi esterni, il neo eletto dovrà fare i conti con un consiglio comunale eterogeneo, frutto della scelta di candidare 326 persone spalmate su diciassette liste (nove delle quali legate proprio a Carrà e Capuana).

Testa a testa tra Anastasio Carrà e Daniele Capuana. Sembra profilarsi una volata a nello spoglio delle schede elettorali a Motta Sant'Anastasia. È infatti ampio il vantaggio sul terzo in corsa, Danilo Festa. Nel Comune catanese sono sette i candidati sindaco - oltre ai tre vi sono Giovanni Carlo Amato, il primo cittadino uscente Angelo Giuffrida, Concetto Roccasalva e Salvatore Scuderi - per ben 329 aspiranti al consiglio comunale. Molte finora le schede in cui non è stata espressa la preferenza per il sindaco ma solo alla lista.

Ore 23 - Tredici voti - al netto di nuovi conteggi - consegnano le chiavi del Comune mottese al presidente del consiglio comunale uscente Anastasio Carrà. Dietro di lui Daniele Capuana.  Un testa a testa partito già dalle prime ore di un lungo e intenso pomeriggio, culminato con l'attesa per lo spoglio dell'ultima sezione avvenuto a porte chiuse.

Ore 22.20 - Una sezione, la numero 2, tiene centinaia di cittadini raccolti nelle scuole elementari mottesi con il fiato sospeso. Il vantaggio di Carrà su Capuana è di soli 10 voti e il presidente di seggio ha deciso di procedere allo scrutinio a porte chiuse.

Ore 20.15 - Mancano solo due sezioni e si assottiglia il divario tra Anastasio Carrà (1337) e Daniele Capuana (1329). Finora le schede non valide sono circa 40, solo sei le bianche.

Ore 17.40 - Lo scarto tra Anastasio Carrà e Daniele Capuana è di appena 60 voti quando mancano le ultime tre sezioni da scrutinare su nove. I primi due hanno oltrepassato quota mille voti (rispettivamente 1061 e 1004), mentre Danilo Festa ne ha raccolto la metà, 532. Seguono Roccasalva (389), Giuffrida (335), Amato (143) e Scuderi (126)

Ore 16.30 - Aumentano i vantaggi della coppia Carrà-Capuana sul resto del gruppo. 700 preferenze il primo, 618 il secondo. Più staccato Danilo Festa, con 304 voti. Ampio il margine sui restanti quattro aspiranti sindaco.

Candidato Sindaco Liste Collegate Voti (sezioni 4/9) Percentuale

[caption id="attachment_118860" align="alignleft" width="150"] Concetto ROCCASALVA[/caption]

Voti: 584

Percentuale: 10,89 % Autonomia Mottese 356 5,4 % Insieme per Motta 354 5,3 %  _____________________________________________________________________________

[caption id="attachment_118863" align="alignleft" width="150"] Giovanni Carlo AMATO[/caption]

 

Voti: 226

Percentuale: 4,22 % Movimento 5 Stelle 394 5,9 %   _____________________________________________________________________________

[caption id="attachment_118859" align="alignleft" width="150"] Angelo Ercole GIUFFRIDA[/caption]

Voti: 552

Percentuale: 10,3 % Forza Italia 322 4,9 % Il bene in Comune 3 0,04 % Primavera 343 5,2 %  _____________________________________________________________________________

[caption id="attachment_118864" align="alignleft" width="150"] Salvatore Maria SCUDERI[/caption]

Voti: 241

Percentuale: 4,5 % Viva Motta 265 4 %   _____________________________________________________________________________

[caption id="attachment_118858" align="alignleft" width="150"] Anastasio CARRÀ[/caption]

Voti: 1485

Percentuale: 27,70 % Il Sole 367 5,5 % Articolo 4 695 10,5 % Il Quadrifoglio 847 12,8 %   _____________________________________________________________________________

[caption id="attachment_118861" align="alignleft" width="150"] Daniele CAPUANA[/caption]

Voti: 1472

Percentuale: 27,46 % Il Megafono 106 1,6 % Scelta Giovane 802 12,2 % Renzi Adesso 258 3,9 % Rivoluzione Mottese 223 3,3 % Motta nel cuore 409 6,2 % Innova Piano Tavola 129 1,9 %   _____________________________________________________________________________

[caption id="attachment_118862" align="alignleft" width="150"] Danilo FESTA[/caption]

Voti: 801

Percentuale: 14.9 % Libera Motta 697 10,6 %

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×