Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Unict e quel posto da ricercatore illegittimo
Il Tar sconfessa i membri della commissione

Il Tribunale amministrativo regionale ha deciso: Gianbattista Scirè, il giovane studioso che nel 2012 si vide scavalcato nella graduatoria, avrà il posto di ricercatore in Storia contemporanea all'ex facoltà di Lingue di Ragusa. La commissione giudicatrice aveva originariamente assegnato il posto a Melania Nucifora, laureata in architettura, a differenza del ricorrente, che è specializzato in storia moderna e contemporanea

Salvo Catalano

Il risultato del concorso per un posto di ricercatore in Storia contemporanea all'ex facoltà di Lingue di Ragusa vinto da Melania Nucifora è illegittimo. A due anni di distanza dalla denuncia del secondo classificato, Gianbattista Scirè, il Tar ha dato ragione al ricorrente: la vincitrice non aveva i titoli per ottenere quel contratto a tempo determinato. Una sentenza storica che sconfessa l'operato della commissione giudicatrice, formata dai professori Simone Neri Serneri, dell’Università di Siena, Luigi Masella, dell’ateneo di Bari, e Alessandra Staderini, dell’Università di Firenze, scelti dall'ex rettore Antonino Recca. Il caso sollevato da Scirè è diventato di portata nazionale, arrivando anche in Parlamento con l'interrogazione parlamentare del deputato del Pd Corsini all'allora ministro dell'Istruzione Francesco Profumo. Adesso la sezione di Catania del Tar dichiara «illegittima l'attribuzione del punteggio assegnato alla candidata Nucifora, così come «illegittima la sua individuazione come miglior candidato della selezione». Viene accolto dunque il ricorso e annullati i provvedimenti della commissione. Scirè potrà essere reintegrato e subentrare nel ruolo di ricercatore, visto che la durata del contratto era di cinque anni totali, a partire dal 2012. Ma c'è di più, il Tar invierà la sentenza alla Corte dei conti regionale, per verificare se esistono responsabilità personali nel danno erariale che l'Università di Catania e Scirè stesso hanno subito.

«Il tribunale amministrativo mi dà ragione in toto, hanno accolto tutti gli elementi che avevamo evidenziato - commenta Scirè - Al di là del mio caso personale, è una sentenza dettagliata e storica perché il Tar toglie ogni potere decisionale alla commissione. Spero che il nuovo rettore voglia dare un segnale forte applicando la sentenza. Da questa vicenda ho subito conseguenze negative nella mia vita personale, nonché ritorsioni che mi hanno impedito di prendere l'abilitazione».

Nella sentenza, il Tar ripercorre tutta la vicenda. Mette a confronto il curriculum del ricorrente, Scirè, (laureato in storia, in possesso di un dottorato di ricerca in studi storici per l'età moderna e contemporanea e con un curriculum incentrato sugli studi storici) e della controinteressata risultata vincitrice, Nucifora, (laureata in architettura e con un curriculum incentrato su studi di architettura, urbanistica e storia del territorio). Quindi definisce «palesemente illogiche alcune affermazioni e conclusioni espresse dalla commissione giudicatrice sulla congruenza con il settore scientifico-disciplinare per il quale è stato bandito il concorso». In particolare «la commissione, operando una lettura eccessivamente inclusiva del settore scientifico disciplinare in questione e richiamando studi di storiografia italiana internazionale, ritiene che anche la storia delle trasformazioni ambientali e territoriali (su cui la Nucifora è specializzata ndr) sia riconducibile alla storia contemporanea». Queste conclusioni sono errate perché «il decreto ministeriale dell'ottobre 2010 inserisce la storia dell'architettura (Icar 18) nell'ambito dell'area ingegneria civile-architettura».

Di conseguenza a 14 titoli della vincitrice del concorso «è stato illegittimamente assegnato un punteggio. In particolare - continuano i giudici - l'attribuzione di ben sei punti al contratto di docenza per l'insegnamento di Storia dell'architettura costituisce un'evidente ed eccessiva forzatura del parametro della congruità, che non trova alcun supporto giuridico nella normativa di riferimento e nei criteri previsti dal bando di concorso e manifesta l'evidente travisamento dei fatti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews