Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Wind Jet, 23 giugno prima rata per i creditori
Le istruzioni per i passeggeri rimasti a terra

Il 23 giugno saranno passati sei mesi dall'omologazione del concordato preventivo che ha evitato il fallimento della low cost di Antonino Pulvirenti. E sarà la data di scadenza del primo pagamento dei creditori ordinari, tra cui i passeggeri. Il liquidatore giudiziale invita chi non lo ha ancora fatto e ne ha diritto a inviare i propri dati per ricevere il 5 per cento del biglietto non usufruito nell'estate del 2012. Intanto si allontana il risarcimento chiesto ad Alitalia e promesso ai dipendenti

Redazione

Si avvicina il pagamento della prima rata da parte di Wind Jet ai suoi creditori, nella misura stabilita dal concordato preventivo, omologato dal Tribunale di Catania lo scorso dicembre. I creditori chirografari (cioè ordinari, tra cui i passeggeri) e i creditori privilegiati non soddisfatti e retrocessi al rango chirografario, sono invitati a fornire le coordinate bancarie del proprio conto corrente via email agli indirizzi della società (windjetspa@legalmail.it per i titolari di Pec oppure windjet@abbadessasantagati.it). La scadenza della prima tranche del pagamento è infatti prevista per il 23 giugno, a sei mesi esatta dal via libera definitivo al concordato che ha evitato il fallimento per la compagnia di Antonino Pulvirenti. Il promemoria rivolto ai creditori arriva dal liquidatore giudiziale. Oltre agli estremi bancari, i passeggeri che hanno acquistato un biglietto Wind Jet non potendone usufruire per i disagi della torrida estate 2012, devono inviare agli stessi indirizzi email anche copia di un documento d'identità e del titolo di viaggio non utilizzato. «Queste formalità - comunica il liquidatore - sono necessarie al fine di assicurare la corretta esecuzione dei pagamenti della prima rata concordataria in favore degli aventi diritto. Per qualsiasi informazione o chiarimento, è possibile inviare richiesta scritta ai medesimi indirizzi mail indicati».

L'approvazione del concordato preventivo da parte dei creditori e del commissario dello Stato Mario Libertini ha seguito un iter complesso non privo di stop. Ai lavoratori - creditori privilegiati - toccherà il 47 per cento del loro credito, che potrà essere corrisposto entro cinque anni dall'omologazione del concordato. Wind Jet vanta verso i suoi dipendenti un debito complessivo di cinque milioni di euro, interessi inclusi, relativi alle mensilità di luglio e agosto 2012, Tfr, ferie non godute e cessioni del quinto. La compagnia aerea etnea aveva assicurato che gli eventuali risarcimenti derivanti dalle cause aperte sarebbero andati a vantaggio dei creditori, primi tra tutti i dipendenti. Di questi, la fetta più importante sarebbe potuta arrivare dalla richiesta di 190 milioni di euro di risarcimenti fatta ad Alitalia. Ma il mese scorso la Procura ha chiesto l'archiviazione dell’inchiesta nata da quella denuncia per presunte scorrettezze del vettore nazionale nella fallita trattativa con Wind Jet, in particolare l’accusa era di tentativo di estorsione aperta. La compagnia di Pulvirenti ha fatto ricorso contro la richiesta della Procura e si attende la decisione del gip.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×