Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, l'associazione Atria denuncia Alfano
Sottosegretario alla Difesa accusato di falso

Dopo aver denunciato il funzionario regionale che ha firmato la celebre revoca della revoca che ha dato il via libera ai lavori nella base Usa nel Nisseno, l'associazione ha sporto una querela nei confronti dell'esponente del governo guidato da Matteo Renzi. L'accusa per Gioacchino Alfano è di aver rilasciato dichiarazioni «non veritiere e quindi false durante la seduta in Senato relativa alle mozioni sul Muos di Niscemi»

Carmen Valisano

Dopo aver denunciato Gaetano Gullo, il dirigente dell’assessorato regionale all’Ambiente che il 23 luglio del 2013 ha messo la firma sull’atto diventato famoso come la revoca della revoca delle autorizzazioni alla costruzione del Muos, l'associazione antimafie Rita Atria ha presentato una querela nei confronti del sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano. L'accusa per l'esponente del Popolo delle libertà è di falso ideologico per le dichiarazioni «non veritiere e quindi false, compiute dall'onorevole Alfano durante la seduta in Senato relativa alle mozioni sul Muos di Niscemi», spiegano i membri in un comunicato.

Al centro della vicenda una passaggio in particolare. Secondo il sottosegretario «un documento dell'Istituto superiore di sanità nega l'esistenza di pericoli per la salute dei cittadini». Ma, come sottolineano i rappresentanti dell'associazione, in realtà i tecnici dell'Iss hanno dato un parere di gran lunga meno definitivo. «Le conclusioni del Gruppo di Lavoro - si legge nella relazione finale - indicano che l’installazione del Muos non impatterebbe negativamente sulla salute della popolazione, ma rilevano contemporaneamente la necessità di un’attenta e costante sorveglianza sanitaria della popolazione delle aree interessate oltre che dell’attuazione di un monitoraggio dei livelli di campo elettromagnetico successivamente alla messa in funzione delle antenne Muos». Questo a causa «della natura necessariamente teorica delle valutazioni effettuate su queste specifiche antenne. È stata rilevata, inoltre, l’opportunità di valutare nel tempo anche l’impatto della variabile ambientale dovuta all’industrializzazione delle aree limitrofe».

Lo studio, portato dall'esponente del Popolo delle libertà a corredo della sua relazione, «sottolinea come non siano studiati gli effetti dell’inquinamento elettromagnetico nel lungo periodo e le sue interazioni con l’inquinamento chimico proveniente dal vicinissimo polo petrolchimico di Gela», precisano i referenti dell'associazione Atria. E, infine, Gioacchino Alfano ha dichiarato che la base di Niscemi fa parte anche della Nato. Ma la struttura nissena, in realtà, è di esclusiva competenza della Marina statunitense.

Intanto il tema rimane all'ordine del giorno del Parlamento. Domani, alla Camera, verrà discussa la mozione presentata come primo firmatario dal deputato di Sel Erasmo Palazzotto che chiede di «sospendere l'esecuzione di ogni accordo bilaterale relativo alla realizzazione del sistema di trasmissione satellitare denominato Muos nella base militare di Niscemi e a rimettere ogni accordo al riguardo al Parlamento».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×