Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos: il parlamento approva il monitoraggio
Gli attivisti: «Siamo tornati indietro di anni»

La Camera dei deputati ha deciso che, nel sistema di antenne satellitari dell'esercito Usa di Niscemi, ci dovrà essere monitoraggio continuo, valutazioni periodiche sull'impatto ambientale e l'obbligo di interruzione del sistema se questo risultasse nocivo per la salute. «Sono tutte misure già previste fin dal primo protocollo d'intesa firmato dalla Regione. Vogliono far passare misure scontate come concessioni», commenta l'attivista No Muos Fabio D'Alessandro

Leandro Perrotta

«Tutte le misure approvate oggi erano già contenute nel protocollo d'intesa tra Raffaele Lombardo e il ministro della Difesa Ignazio La Russa. Siamo tornati indietro di tre anni». Commenta così Fabio D'Alessandro, attivista del comitato No Muos di Niscemi, la decisione odierna della Camera dei deputati di approvare solo una parte delle mozioni relative al grande impianto di antenne satellitari dell'esercito Usa costruito all'interno della riserva naturale Sughereta. Ovvero le sole misure di monitoraggio. «Sembra quasi che il parlamento, e in particolare il Partito democratico, abbia deciso di far passare delle misure che erano scontate come una concessione», commenta amaramente D'Alessandro. Che però ammette: «Probabilmente senza i presidi, le manifestazioni, le occupazioni, venti consigli comunali - continua D'Alessandro - che hanno approvato mozioni contro il Muos, non saremmo arrivati nemmeno a questo pubto. Noi volevamo lo smantellamento della base, ma senza le discussioni al parlamento siciliano e nazionale derivati dalla nostra mobilitazione, forse non avremmo ottenuto nemmeno queste briciole».

Nel dettaglio, la Camera dei deputati ha impegnato il governo ad attuare nel territorio di Niscemi le seguenti misure: l'obbligo di monitoraggio continuo e di verifica dell'impatto ambientale del Muos;  l'obbligo di valutazioni periodiche per verificare l'impatto ambientale a cura delle autorità italiane; il supporto agli organismi territoriali per la promozione dei prodotti agro-alimentari dell'area di Niscemi non solo sul territorio nazionale, ma anche su quello internazionale; la riduzione delle emissioni a radiofrequenza attraverso un sistema di trasmissione interrato a fibre ottiche; la fornitura di strumentazione necessaria al monitoraggio continuo dei campi elettromagnetici; l'obbligo di interruzione del sistema laddove, dal monitoraggio, emergessero risultati nocivi per la popolazione; l'obbligo a presentare annualmente al parlamento una relazione. «Inoltre - prosegue D'Alessandro - ci saranno quattro unità a cavallo a presidiare il territorio, anche queste previste nell'accordo originario per la costruzione del Muos. Sembra un po' ridicolo, soprattutto in un contesto nel quale si prende la logica della compensazione e non della prevenzione. Ovvero prima ci uccidono, poi eventualmente ci pagano», conclude l'attivista No Muos.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews