Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A rischio il laghetto del teatro romano
Tra pericoli per il bene antico e la fauna

Un vecchio progetto, di cui oggi si iniziano a vedere i primi passi. È l'opera di perforazione della testimonianza romana nel centro di Catania per far sparire un laghetto naturale formato dal fiume Amenano. Senza perizie sulla reale pericolosità dell'acqua, né garanzie per la struttura. Guarda le immagini

Claudia Campese

Tartarughe, piante palustri, martin pescatori, anguille per tenere pulito. Fino a oggi sono stati loro l'attrazione dentro l'attrazione, avendo scelto come casa una vasca d'acqua dolce formata dal fiume Amenano all'interno dell'orchestra del teatro romano di Catania. Una convivenza talmente lontana nel tempo che nessun conserva memoria di come fosse il teatro senza l'acqua. Ma che adesso potrebbe essere spazzata via da un intervento che rischia di compromettere anche la struttura antica.

Il progetto risale a parecchi anni fa. Lo scopo è quello di eliminare il laghetto naturale formato nella parte originale del teatro. Dopo anni, proprio in questi giorni si sta costruendo la rampa che permetterà l'accesso ai macchinari. L'intervento, dal costo di circa 35mila euro, prevede di perforare il monumento nel restroscena - e cioè la parte della scena dove si trovavano gli ambienti di servizio per gli attori - con buchi da 20 metri di profondità nel banco lavico su cui cammina falda acquifera. Che così dovrebbe defluire. Come sturare un grande lavandino, che però ha diversi secoli di storia, sia romana che greca.

Un'operazione la cui riuscita è data solo al 50 per cento. A fronte delle mancate perizie di questi anni. L'unica di cui si ha notizia è un'analisi sulla salubrità del laghetto naturale, dove pompano centinaia di litri d'acqua dal fiume Amenano al secondo, risultata positiva. A testimoniarlo, i numerosi pesci che lo abitano e la visita di animali inusuali al centro di Catania, come un martin pescatore, un uccellino che è stato avvistato mentre si tuffava nell'acqua.

Per il resto, non risultano altri studi. Né sulla reale pericolosità dell'acqua per il monumento né sull'importanza di questa zona umida nel centro città. Ma, se il piano non dovesse riuscire, il rischio è di danneggiare il teatro romano e di ritrovarsi sempre con l'acqua, ma stavolta suddivisa in piccole pozze stagnanti. Il cui fetore sarebbe solo uno dei problemi del bene, insieme all'assenza di un contratto regionale per un servizio di pulizia e alla cronica mancanza di fondi del parco archeologico che lo gestisce.

[Foto di Archeo-Iorga Prato]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.