Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Laghetto al teatro antico, risponde Licandro
«Se il rischio fosse reale, interverremmo»

Dopo la notizia di ieri pubblicata da CTzen sul rischio dei lavori di prosciugamento dello specchio d'acqua nel bene antico e la lettera dell'Enpa al sindaco Enzo Bianco affinché tuteli la fauna del luogo, arriva la risposta dell'assessore alla Cultura Orazio Licandro: «Non siamo noi a decidere quegli interventi e comunque abbiamo notizie diverse. Se fosse vero, sarebbe una follia da impedire»

Claudia Campese

«Ci si accusa di essere poco trasparenti, non scherziamo». Così l'assessore alla Cultura del Comune di Catania Orazio Licandro commenta la lettera di Stefania Raineri, vicepresidente Enpa, indirizzata al sindaco Enzo Bianco sui lavori che minacciano il laghetto dentro l'orchestra del teatro romano etneo. «Si sta dando per scontato una cosa che non si sa - continua Licandro - E comunque a decidere su eventuali lavori all'interno del teatro antico di Catania sarebbero organismi diversi dal Comune, ossia l’assessorato regionale ai Beni culturali».

«Mi sono rivolta al sindaco in quanto prima autorità sanitaria della città e responsabile per legge della tutela degli animali presenti sul suo territorio – spiegava già ieri Raineri a CTzen – E soprattutto la vigilanza zoofila è un obbligo della polizia municipale». Ma a far arrabbiare i membri di Palazzo degli elefanti è stato soprattutto il passaggio sulle «strane autorizzazioni» ai lavori e sulla mancanza di convocazione delle associazioni di riferimento. Entrambi punti su cui il Comune solleva ogni responsabilità, trattandosi di una decisione del Parco archeologico etneo greco-romano, diretta emanazione della Direzione dei Beni culturali della Regione Sicilia.

Resta il problema della fauna che vive dentro il laghetto. Tra cui la testugine palustre siciliana, «specie protetta dalla convenzione di Berna che ne fa divieto di cattura, di detenzione degli esemplari selvatici e di distruzione degli habitat naturali», spiegava nella lettera Raineri. Una responsabilità di tutela che spetta al sindaco in caso di minaccia. Ed è qui che sta la differenza con la posizione del Comune di Catania. «A noi risulta che al teatro si stiano effettuando solo dei carotaggi per lo studio della morfologia del terreno sottostante e dell’andamento delle falde acquifere», spiega Licandro.

Notizie diverse da quelle arrivate a CTzen e pubblicate ieri, secondo le quali i lavori servirebbero a far defluire lo specchio d'acqua dentro l'orchestra, finora vissuto come un problema - sebbene in assenza di analisi specifiche -, nonostante il fascino che esercita sui turisti. «Se fosse vero sarebbe una follia e faremmo tutto ciò che è necessario per impedirla», promette Licandro. Che si schiera apertamente dalla parte dei fans del laghetto: «Presente da migliaia di anni e un elemento indiscutibilmente prezioso - conclude - Chi dice il contrario non sa di che parla».

[Foto di Parco archeologico greco-romano di Catania]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×