Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, sterpaglie circondano l'ospedale
Rischio incendi, responsabilità dell'Asp

L'ospedale di Acireale Santa Marta e Santa Venera versa in condizioni critiche. Con il pericolo incendi che desta preoccupazione su larga parte della provincia, la struttura sanitaria è circondata da erbacce secche alte più di un metro e mezzo. L'Asp avrebbe approntato un bando per l'affidamento della scerbatura, di cui però non c'è traccia sul sito. Un dipendente: «Peccano in lassismo, finirà che dovremo aspettare le piogge». Guarda le foto

Simone Olivelli

In piena emergenza incendi, a destare particolare preoccupazione è l’area che circonda l’ospedale Santa Marta e Santa Venera di Acireale. Erbacce secche, alcune alte anche più di un metro e mezzo, ricoprono larga parte delle aiuole, creando non solo un colpo d’occhio non invidiabile a chi si reca nella struttura ma anche un serio rischio per l’incolumità di pazienti e personale sanitario. Ad aggravare la situazione c’è un ulteriore dettaglio: parte della vegetazione secca si trova a ridosso dei locali in cui sono custodite le riserve di ossigeno. Ciò significa che, nella malaugurata ipotesi si appiccasse un incendio, le elevate concentrazioni dell’ossigeno potrebbero facilitare la propagazione delle fiamme e portare a esplosioni.

Come conferma uno dei dirigenti della struttura, Rocco Romeo, i lavori di manutenzione sono di competenza dell’Azienda sanitaria provinciale di Catania: «La responsabilità sull’area è dell’Asp 3, il Comune in questo caso non c’entra». Dal canto loro, i vertici dell’ospedale acese dichiarano di essere pienamente a conoscenza della situazione e di aver provveduto già mesi addietro a inoltrare le opportune segnalazioni: «A gennaio – continua il dirigente – abbiamo fatto presente la criticità del contesto in cui operiamo. Dall’Asp ci è stato fatto sapere che un bando sarebbe stato aperto per l’affidamento del servizio di scerbatura e manutenzione straordinaria. Da quanto ci risulta, l’espletazione dei lavori dovrebbe avvenire quanto prima».

Della gara d’appalto, però, non sembra esserci traccia sul web. Visitando l’apposita sezione sul sito dell’Asp di Catania, infatti, si riesce a risalire a diverse gare, ma nessuna di esse riguarda la gestione delle aree verdi che circondano gli ospedali.
Come se non bastasse, a essere in condizioni critiche dal punto di vista della vegetazione fuori controllo sarebbero anche gli altri ospedali della provincia, a partire da quello di Giarre. La speranza, dunque, è che la mancata presenza sul web del bando sia soltanto frutto di una svista, anche se le parole di un dipendente dell’ospedale Santa Marta e Santa Venera destano preoccupazione: «La verità – dice – è che ogni anno si ripete sempre la stessa storia. I giardinieri mancano e l’Asp su questo fronte pecca in lassismo. Le segnalazioni è vero, sono state fatte, ma probabilmente finirà che dovremo aspettare le prime piogge per stare più al sicuro».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×