Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Parchi, se i privati fanno meglio del Comune
Tra degrado e potenzialità non sfruttate

Il punto 110 delle 124 cose fatte dall'attuale amministrazione etnea, elencate nell'e-book in cui il sindaco Enzo Bianco fa il bilancio del primo anno di lavoro, riguarda l'avvio di «operazioni di manutenzione e valorizzazione» dei parchi Gioeni, Gandhi, Madre Teresa di Calcutta e Boschetto della Plaia, grazie alla collaborazione con i privati. CTzen è andato a verificare le condizioni di questi spazi comuni. Nonostante l'impegno di associazioni private, le mancanze sono tante e il Comune ha ancora la sua parte da fare

Agata Pasqualino

«Sono state avviate, grazie a iniziative concordate con soggetti privati, operazioni di manutenzione e valorizzazione di alcuni parchi cittadini: Gioeni, Gandhi, Madre Teresa di Calcutta e Boschetto della Plaia». È quanto dichiara il sindaco di Catania Enzo Bianco al punto 110 della sezione Catania pulita e verde dell'e-book in cui fa il bilancio del primo anno dell'attuale amministrazione etnea. CTzen è andato a vedere se le operazioni alle quali si riferisce il primo cittadino etneo sono sufficienti a permettere ai Catanesi di godere di questi spazi comuni, spesso protagonisti della cronaca - anche in tempi molto recenti - per degrado e abbandono.

Inaugurato negli anni novanta proprio da Bianco, all'epoca al suo primo mandato, il parco Gioeni, nella zona di Barriera Canalicchio, è quello che versa in condizioni peggiori. È domenica e fa molto caldo durante la nostra visita. Comprensibile che non ci sia quasi anima viva. Dentro ci sono solo due vigili urbani in servizio seduti in una panchina a chiacchierare, due auto parcheggiate di fronte ai bagni e un piccolo gruppo di persone in gita, che si allietano cantando canzoni napoletane in una delle poche zone all'ombra. Poco è cambiato rispetto a quanto già raccontato nel nostro giornale a fine maggio. A peggiorare la situazione anche l'incendio della scorsa settimana, causato dall'abbandono e dalla mancanza di cure del verde. Un circolo vizioso di cui è vittima il parco, che nonostante tutto ospiterà la seconda edizione dello Zanne festival dal 18 al 20 luglio. Passeggiare tra i suoi viali è un susseguirsi di tombini scoperti, fontane non funzionanti (più del 90 per cento di quelle presenti), immondizia e pali della luce decapitati. L'ala est è completamente al buio di sera. Anche nei bagni - sporchi e semiallagati - non c'è traccia di luce e lo sportello del quadro elettrico è aperto, alla mercé di tutti.

Abbastanza pulito e curato è invece il piccolo parco Gandhi, in via Santa Sofia 6 nel territorio di Trappeto Cibali. Alla manutenzione ordinaria pensano i membri del movimento politico di destra Spazio libero Cervantes, che lo scorso agosto lo hanno ripulito delle siringhe lasciate dai tossicodipendenti. L'illuminazione funziona, non mancano i cestini per raccogliere l'immondizia e l'area pic nic è ben tenuta. Sarà per il caldo, ma l'unica mancanza che si nota è quella di una fontana.

Dove non mancano le fontane, ma bisogna fare attenzione a come aprirle per non rischiare di farsi senza volerlo la doccia, è il parco Madre Teresa di Calcutta, nel quartiere Borgo Sanzio. La manutenzione ordinaria del verde è affidata all'associazione culturale Nuova Acropoli, tramite un contratto di sponsorizzazione. Manca però la manutenzione straordinaria che spetta al Comune. Tante zone sono al buio perché quasi la metà delle lampadine non ci sono più, gli attrezzi del percorso ginnico sono deteriorati e pericolanti, così come alcuni dei giochi della bambinopoli. Per sollecitare l'intervento del Comune, il consigliere della III circoscrizione Antonio Fusco ha presentato una mozione al consiglio di quartiere lo scorso novembre, scritto una lettera aperta al sindaco Bianco circa dieci giorni fa e organizzato per sabato 5 luglio una raccolta firme all'interno del parco. «A novembre in seguito alla mozione il Comune ha fatto togliere le lampadine e le coppe danneggiate e pericolanti, ma non le ha sostituite - racconta Fusco - Quello che chiediamo - aggiunge - non prevede chissà quale costo, ma è importante per la sicurezza dei fruitori del parco».

Il Boschetto della plaia è l'unico dei quattro parchi in cui troviamo gente, per la quasi totalità di origini indiana. Nell'attesa dei risultati del bando di 180 mila euro pubblicato dal Comune per la realizzazione e la gestione di un parco avventura, lo spazio è stato ripulito. I rifiuti in alcune parti, però, continuano a comparire tra le foglie, la sabbia e l'erba. La maggior parte delle fontane non funziona e alcuni pali della luce sono danneggiati. Anche in questo caso, come per il parco Gioeni, le potenzialità del posto non sono sfruttate e i catanesi preferiscono rilassarsi altrove.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews