Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mailgate, processo rinviato a novembre
Tra le prove, anche la registrazione di Recca

Sono state riunite in un unico procedimento - così come in origine - le posizioni dell'ex rettore Antonino Recca e dei due dipendenti di Unict Antonio Di Maria ed Enrico Commis. Imputati per il caso delle email elettorali inviate nel 2012 all'indirizzario dell'ateneo di Catania. Si riprende in autunno con le prove presentate oggi, tra cui l'audio in cui Recca dice: «Che posso fare? Ficimu sta minchiata!»

Claudia Campese

Tutto rimandato a novembre. Si apre così, con un lungo rinvio, il processo all'ex rettore etneo Antonino Recca e ai due dipendenti di Unict Antonio Di Maria ed Enrico Commis per il caso delle mail elettorali spedite nel 2012 a studenti e docenti dell'ateneo di Catania. E dove l'università etnea si è costituita parte civile. Un unico procedimento, così come in origine, riunito dopo la richiesta di giudizio immediato formulata dai legali di Recca che aveva fatto stralciare la sua posizione. Da oggi, quindi, i due processi risultano unificati. In attesa dei testimoni da sentire e delle prove del pubblico ministero Raffaella Vinciguerra da valutare.

Ed è proprio la magistrata a porre, tra le richieste di prove, l'unico documento discusso in aula. «Un'annotazione di polizia giudiziaria, in cui l'agente scelto Claudio Luca Mammano racconta di un profilo sul social network Facebook con un post interessante, che adesso però non è più pubblico. Il documento è quindi un prova irripetibile». Inutile per le difese cercare di saperne di più. «Non anticipo nulla», risponde Vinciguerra, trattenendo a stento un sorriso. Nel post in questione, sulla bacheca della candidata Maria Elena Grassi, il figlio Daniele Di Maria avrebbe risposto alle accuse del Movimento studentesco catanese sullo spam elettorale sostenendo che il web è di tutti. Nonostante si trattasse di un indirizzario tutelato come quello di Unict. E al quale non era possibile accedere senza un intervento interno all'università, dove lavora il padre del ragazzo, Antonino Di Maria.

Tra le altre prove chieste dalla pm c'è poi la registrazione - pubblicata in esclusiva da CTzen - in cui l'ex rettore Recca sembrerebbe ammettere una responsabilità nel caso, con parole come: «Che posso fare? Ficimu sta minchiata!». Una conversazione tra l'ex Magnifico e Di Maria senior, registrata dal figlio di quest'ultimo - presente all'incontro - con il proprio cellulare. E ancora i tabulati telefonici e gli atti allegati agli interrogatori.

In aula poi interverranno diversi testimoni: come il dipendente dell'ufficio informatico di Unict Luca Palazzo, l'ispettore di polizia postale Antonino Pennisi e l'assistente Alfredo Malerba. Gli ultimi due previsti già per la prima udienza di novembre. Alle loro testimonianze si uniranno quelle di due protagonisti del caso: l'allora candidata Udc alle elezioni regionali Maria Elena Grassi , a sostegno della quale erano state inviate le email, e suo figlio Daniele Di Maria, firmatario dei messaggi. Entrambi in un primo momento indagati, la loro posizione è poi stata archiviata. Per concludere, saranno sentiti i tre imputati.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×