Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Operazione lava, 23 arresti a San Cristoforo
Un paniere trasportava droga e denaro

Nella zona di piazza Caduti del mare operava un vero e proprio supermaket della droga, gestito da un'organizzazione curata nei minimi dettagli con a capo i fratelli Musumeci e la famiglia Scuderi. Il commercio degli stupefacenti prevedeva un luogo di organizzazione centrale, uno di pagamento e un terzo di vendita. Attorno a queste zone ruotavano diverse figure con ruoli specifici. «Le operazioni sono state effettuate anche grazie alle informazioni del collaboratore di giustizia Goffredo Di Maggio», ha precisato il sostituto procuratore Iole Boscarino

Cassandra Di Giacomo

«L'organizzazione criminale operava come in un drive in, disarticolando il processo di vendita in vari passaggi come si fa nel gioco dell'oca». A spiegare le modalità attraverso le quali veniva smerciata la droga nella zona attorno a piazza Caduti del mare, meglio nota come Tondicello della Playa, è il colonnello del comando provinciale dei carabinieri di Catania Alessandro Casarsa. Dall'alba di questa mattina circa 200 militari hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 22 soggetti accusati di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti. In seguito al maxi blitz antidroga - denominato Operazione lava da una delle vie dove si svolgeva lo spaccio - 19 degli indagati sono stati arrestati, 2 ai domiciliari e uno alla misura di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Per un minore invece è stato emesso un provvedimento restrittivo predisposto dal Tribunale dei Minorenni. Ma le operazioni sono ancora in corso e gli inquirenti stanno cercando di rintracciare altri 6 indagati che non sono stati trovati nelle proprie abitazioni al momento del blitz.

http://youtu.be/DhIntBKmYlM

Il traffico delle sostanze stupefacenti nella zona di piazza Caduti del mare aveva il suo centro propulsore tra il civico 4 di via della Lava e il civico 58 di via Trovatelli, una sorta di zona bunker, protetta da numerose sentinelle e formata da un circuito costituito da strade strette e poco accessibili. L'area è stata monitorata attraverso dispositivi audio e video dai carabinieri della Compagnia di piazza Dante, tra dicembre 2012 e marzo 2013. Le indagini - supportate da attività telefoniche, ambientali e di ripresa video - hanno permesso alle autorità di individuare un vero e proprio supermaket della droga, gestito da un'organizzazione curata nei minimi dettagli.
«Le operazioni di indagine sono state effettuate anche grazie alle informazioni rilasciate dal collaboratore di giustizia Goffredo Di Maggio», ha precisato la dottoressa Iole Boscarino della procura della Repubblica presso il Tribunale di Catania.

Il commercio degli stupefacenti prevedeva un luogo di organizzazione centrale, uno di pagamento e un terzo deputato solo alla vendita. Attorno a queste zone ruotavano diverse figure con ruoli specifici. C'erano le sentinelle, i corrieri, gli spacciatori e due new entry: il lanciatore e il paniere. «Quest'ultimo veniva utilizzato per trasportare droga o denaro, in maniera quasi anonima, visto che la figura del lanciatore ad esso legata veniva continuamente riposizionata in zone o balconi diversi», ha spiegato Casarsa. Il sistema dirigenziale - all'interno di una filiera a rete della droga, in cui operavano circa 30 persone - era gestito dai fratelli Musumeci e dal gruppo della famiglia Scuderi legata ai Santapaola. 

«L'organizzazione criminale operava a partire dalle 15, quasi come in una normale attività commerciale. Ogni due ore gli spacciatori scaricavano nel paniere il denaro ricavato dalle vendite e a fine serata venivano organizzate le riunioni di distribuzione della paga», ha spiegato Boscarino. Il business era di circa 10 mila euro al giorno. Stanotte, nel corso delle operazioni militari, sono stati sequestrati circa 3mila euro di proventi derivati dell'attività di spaccio.

 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews