Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Playa, ancora fermi i lavori sull'ex colonia
Il demanio: «Si deve eliminare l'amianto»

L'ex colonia del collegio di Maria Ausiliatrice nel litorale sabbioso etneo è ancora in piedi. Dopo l'avvio dei lavori il 13 giugno scorso, le ruspe non sono più entrate nel cantiere. «Abbiamo dato l'annuncio all'indomani della firma di una nuova concessione, che porterà alla creazione di un nuovo lido», spiega Santo Messina, funzionario direttivo dell’Ufficio periferico del Demanio marittimo di Catania. Che assicura: « I lavori sono pronti a partire in settimana. In un mese ci sarà di nuovo la sabbia al posto del cemento». Guarda le foto

Leandro Perrotta

«Oggi restituiamo un’area identitaria per Catania alla città e soprattutto alle generazioni future». Commentava così l'assessore regionale per il Territorio e Ambiente Maria Rita Sgarlata, lo scorso 13 giugno, l'inizio dell'abbattimento dell’ex colonia del collegio Maria Ausiliatrice, sul litorale della playa. Un vero e proprio ecomostro da diecimila metri cubi di cemento armato, a poche decine di metri dal mare. Da almeno dieci anni la struttura non è utilizzata: un rudere, spesso meta di disperati in cerca di alloggio, e facile ricovero per attività illecite. A due settimane dall'annuncio, però, i lavori sono ancora fermi al punto di partenza. E entrare nella struttura pericolante è fin troppo semplice, tanto che dei bambini in costume da bagno giocano all'interno della struttura, ignorando il pericolo.

«Siamo in attesa dell'inizio dei lavori di bonifica dell'amianto presente nella struttura. Non sono stati eseguiti subito per l'attesa dell'autorizzazione da parte dell'Asp, che è arrivata ieri», informa sui ritardi Santo Messina, funzionario direttivo dell’Ufficio periferico del Demanio marittimo di Catania (Udema). I lavori, eseguiti per conto dei nuovi titolari della concessione balneare dalla ditta Icon srl, dovrebbero quindi riprendere «già da giovedì o venerdì. Dopo la procedura di bonifica in loco, a cui seguirà lo smaltimento dell'amianto presente - prosegue Messina - i lavori verranno eseguiti in maniera celere. Entro un mese si dovrebbe vedere di nuovo la sabbia al posto del cemento», afferma il funzionario Udema. Il blocco dei lavori, dopo il primo iniziale annuncio dell'abbattimento, sarebbe stato quindi «previsto fin dall'inizio: sapevamo di dover attendere le autorizzazioni per l'amianto. Si è trattato quindi solo di una scelta l'aver dato l'annuncio, avvenuto il giorno dopo la firma della concessione», spiega Messina.

Al posto dell'ex colonia, al termine dei lavori, verrà quindi installato un nuovo lido che, se la tabella di marcia sui lavori di demolizione verrà rispettata - l'unico dubbio tencico riguarderebbe l'eventuale presenza di opere di fondazione -, aprirà entro il termine della stagione balneare in corso. «Non sarà però una struttura come le altre - spiega Messina - ma più "ricercata": ci saranno una trentina di cabine piuttosto grandi, da 2.50 metri per 2, una piscina prefabbricata e altre due strutture di servizio, tutte in legno e amovibili». Resta però aperto il problema della sicurezza. «La presenza di minori e la facilità di accesso è una questione che monitoriamo quasi giornalmente. La scorsa settimana abbiamo segnalato la presenza di alcuni extracomunitari che stazionavano all'interno. Abbiamo proposto, per motivi di sicurezza, l'abbattimento almeno delle scale, ma questo, secondo quanto riferito dal direttore dei lavori, non è possibile proprio a causa della presenza dell'amianto», conclude Messina.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews