Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, il clan Carcagnusi «ricco e spietato»
Ancora latitante il capo Sebastiano Mazzei

Provvedimento di arresto per nove appartenenti al clan di San Cristoforo. Due i ricercati. Partecipazione ad associazione di stampo mafioso, associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti e trasferimento fraudolento di valori sono i reati ipotizzati. Sequestrati beni per un milione e mezzo di euro

Desirée Miranda

Duro colpo alla famiglia mafiosa catanese dei Carcagnusi a capo della quale c'è Sebastiano Mazzei, noto con l'appellativo di Nuccio u'carcagnusu. Nell'ambito dell'operazione denominata Ippocampo e «a conclusione di un'articolata indagine», fanno sapere gli inquirenti, la Direzione investigativa antimafia di Catania, in collaborazione con l'arma dei carabinieri, ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di nove soggetti ritenuti appartenenti a vicini al clan mafioso, la cui egemonia sarebbe soprattutto nel quartiere San Cristoforo.

La famiglia Mazzei, storicamente riconducibile a Cosa nostra palermitana perché il capostipite Santo, padre di Sebastiano e detenuto in regime di 41 bis, divenne uomo d'onore su decisione di Leoluca Bagarella, arrivato a catania proprio per investire Santo, avrebbe stretto relazioni criminose con le famiglie mafiose della piana di Gioia Tauro per la gestione del traffico di stupefacenti. «I calabresi erano specializzati nel traffico della cocaina, mentre in Sicilia orientale si occupavano di hashish e marijuana», spiega il procuratore capo, Giovanni Salvi.

Partecipazione ad associazione di stampo mafioso, associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti e trasferimento fraudolento di valori è l'accusa per Sebastiano Mazzei, già latitante dall'operazione di pochi mesi fa denominata Scarface, il cognato Gioacchino Intravaia, Giovanni Galati Massaro, Michele Maiolino, Prospero riccobeni, Daniele Antonino sgroi e Lucio Stella. Altri due sono ancora ricercati.

Un'attività fiorente quella dei carcagnusi, «attivi nell'acquisizione di beni e nella penetrazione del tessuto economico mediante l'acquisizione di società ed esercizi commerciali direttamente o indirettamente - spiegano gli inquirenti - e caratterizzati da una grande forza economica, ma anche da un atteggiamento spietato. Dalle intercettazini emerge addirittura la disponibilità ad uccidere la moglie», afferma Renato Panvino, a capo della Dia catanese.

Sottoposti a sequestro preventivo, inoltre, beni mobili e immobili per un valore di circa un milione e mezzo di euro. Si tratta di abitazioni, autoveicoli, motoveicoli, conti correnti e depositi bancari, un bar e quote societarie riconducibili ai Mazzei direttamente o per mezzo di prestanome.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email