Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

ReCyproCity, in mostra la questione cipriota
Tra fotografie e interviste degli attivisti

Si inaugura oggi - alle 19.30 alla Libreria Vicolo Stretto di via Santa Filomena - la mostra curata dall'associazione Arci etnea e dalla cipriota Polistiko Ergasteia che racconta la questione politico-culturale dell'isola. Il progetto, finanziato dall'Ue, «ha l'obiettivo di fornire un contributo alla costruzione della pace e alla diffusione della conoscenza del conflitto», precisa Margherita Carcione, tra le volontarie. Guarda le foto

Cassandra Di Giacomo

«Quando io e un gruppo di colleghi attivisti dell'Arci ci siamo recati a Nicosia, la capitale di Cipro, per un corso di formazione, siamo rimasti incredibilmente colpiti dal vedere concretamente la divisione politica e culturale che interessa l'isola». È da quell'esperienza - spiega la volontaria e attivista Margherita Carcione - che è nata l'idea di raccontare attraverso immagini fotografiche la cosiddetta questione cipriota. Il passo successivo è l'allestimento di una mostra, intitolata ReCyproCity, in esposizione contemporanea nelle due città che se ne sono occupate, Catania e Nicosia.

Il progetto ha visto la collaborazione di quattro giovani volontari dell'Arci Melquiades di Catania e altrettanti attivisti ciprioti dell'associazione Politistiko Ergastiri, «molto nota nel campo della condivisione della cultura nazionale, dell'attivismo cittadino e della mobilità giovanile», spiega Carcione. L'idea progettuale è piaciuta molto anche all'Unione Europea che ha deciso di finanziarla perché «ha l'obiettivo di fornire un contributo alla costruzione della pace e alla diffusione della conoscenza del conflitto», precisa la volontaria etnea dell'Arci.

I volontari catanesi e i colleghi ciprioti hanno scattato numerose fotografie che documentano la situazione in cui vive da quarant'anni l'isola a metà tra il Mediterraneo e il Medio Oriente e la popolazione, divisa tra turchi e greci. Gente impegnata in attività quotidiane, palazzi abbandonati, muri, fili spinati, bandiere e vegetazione ma anche i luoghi più simbolici dell’isola, ricchi di evidenti segni di spaccatura come i check-points. E ancora Nicosia e Famagusta, la cosiddetta città fantasma.

Per raccontare il muro ideologico, culturale e politico che divide in due l'isola gli attivisti hanno realizzato anche delle interviste corredate da didascalie secondo la tecnica del photovoice, presto online sul sito - ancora in costruzione - del progetto. L'appuntamento inaugurale della mostra, intanto, è fissato per questa sera alle 19.30 presso la catanese Libreria Vicolo Stretto di via Santa Filomena.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×