Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Processo Noce, in aula i periti dell'accusa
«Loris Gagliano voleva fargliela pagare»

«Le emozioni forti possono farci perdere il controllo, ma una patologia psicotica è un'altra cosa». Carla Barile e Angelo Zappalà sono i due consulenti che hanno ricevuto dalla procura di Catania il compito di analizzare lo stato mentale del giovane assassino. E i risultati dei loro esami contrastano con quelli di Bruno Calabrese e Francesco Bruno, i due esperti nominati dalla Corte: «Il ragazzo al momento dell'omicidio era lucido», dicono

Luisa Santangelo

«Loris Gagliano non era affetto da alcuna infermità mentale al momento dell'omicidio, pertanto era perfettamente in grado di intendere e di volere». Nel processo d'Appello per l'assassinio della ventiquattrenne Stefania Noce e del nonno di lei, il settantunenne Paolo Miano, oggi è stato il momento dei due esperti nominati dall'accusa, sostenuta dal procuratore Giulio Toscano. Carla Barile e Angelo Zappalà, psichiatra la prima e criminologo clinico il secondo, hanno spiegato – nel corso di un interrogatorio durato molte ore – un punto di vista diverso da quello dei due periti della Corte, Francesco Bruno e Bruno Calabrese: «Non abbiamo riscontrato nessuna ossessione persecutoria né disturbi della personalità – hanno detto in aula i due esperti – Per questi motivi non concordiamo con la perizia dei colleghi».

Nel corso della scorsa udienza, Bruno e Calabrese avevano dichiarato Gagliano «parzialmente incapace d'intendere e di volere» poiché affetto da un disturbo della personalità di tipo narcisistico e paranoico. Secondo gli specialisti, l'omicidio di Stefania era avvenuto in un momento di furia «causato da un delirio paranoide dovuto a una errata interpretazione della realtà». Era convinto, cioè, che la famiglia di Stefania cospirasse affinché lui e la giovane donna interrompessero la loro relazione. Oggi, però, Barile e Zappalà ribaltano questa tesi: «Non c'è alcun delirio: che la madre di Stefania non vedesse di buon occhio quella storia d'amore è la realtà. Allo stesso modo, quelli che vengono identificati come i deliri di un uomo paranoico, a nostro avviso, sono tutti elementi che di fatto invece esistono». Non erano, quindi, il frutto delle invenzioni di una mente malata, bensì elementi reali. E le azioni da compiere per reagire erano lucide e consapevoli: «Sapeva quello che faceva la sera del 26 dicembre, quando è partito dalla sua casa di Caltagirone per andare a Licodia Eubea, era cosciente che passare la notte fuori avrebbe preoccupato i suoi genitori, quindi ha detto loro, mentendo, che avrebbe dormito da un amico. Entra in macchina con balestra e coltelli, quindi si assume il rischio di compiere un'aggressione», ricostruisce la dottoressa Barile.

«Poco dopo l'arresto, nel corso del primo interrogatorio, Loris Gagliano ha dichiarato di voler spaventare Stefania e la sua famiglia: nell'intento intimidatorio c'è una chiara consapevolezza», prosegue Barile. E continua: «Ai carabinieri lui dice che è successo qualcosa di molto violento, non c'è nessuna frattura con la realtà». «Le emozioni forti – precisa la psichiatra – possono farci perdere il controllo, ma quella non è infermità mentale». Un disturbo mentale, secondo il medico, non si manifesta in un caso isolato – nella fattispecie, l'omicidio – bensì è un fatto «continuativo, che riguarda il modo della persona di rapportarsi con gli altri e con se stesso, alla luce dell'immagine che lui ha di sé».

«Loris Gagliano non è un killer – interviene Zappalà, il secondo esperto dell'accusa – e ci domandiamo tutti com'è che abbia potuto, da un momento all'altro, compiere un gesto così abnorme. È un processo mentale spontaneo, ci diciamo che deve essere per forza pazzo, ma così non è». Ma gli studiosi hanno degli elementi di valutazione in più: «La relazione tra Stefania e Loris era conflittuale, aveva molti alti e bassi. Lui ha scarse capacità di riflettere su se stesso, poca autostima e bisogno di dare agli altri le colpe di ciò che gli succede attorno, da cui deriva il forte risentimento nei confronti di Stefania per l'aver interrotto la loro relazione e nei confronti del suo entourage familiare. Voleva fargliela pagare». E in merito al test di Rorschach, usato da Calabrese e Bruno per confermare la loro tesi, afferma: «Non conosco nessuno psichiatra che lo usi come unico strumento diagnostico».

La discussione, sempre accesa, resta aperta. E salta il proposito di arrivare alla sentenza di secondo grado prima della pausa degli uffici giudiziari di fine luglio. La prossima udienza è fissata per il 22 settembre: toccherà al consulente psichiatrico dell'imputato e a quello delle parti civili.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×