Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Laghetto al teatro romano, il tavolo tecnico
Accordo di studio con le associazioni

Avevano chiesto chiarimenti circa il progetto di trivellazioni nel bene antico e ieri sono stati ricevuti dalla direzione del costituendo Parco archeologico etneo. Si conclude così la polemica sui lavori nel monumento, che diventeranno invece un'occasione di indagine scientifica: tra possibili lave pre-etnee, sorgenti d'acqua e ambienti umidi. I risultati saranno pubblicati in appositi pannelli didattici per i visitatori

Claudia Campese

Lave pre-etnee come quelle dei faraglioni e acqua purissima dall'Etna. Potrebbe essere questa la nuova descrizione del laghetto del teatro romano di Catania che tra qualche mese i turisti troveranno in appositi cartelli illustrativi. Sono le novità emerse dal confronto tra il costituendo Parco archeologico etneo greco-romano con alcune associazioni cittadine che avevano richiesto dei chiarimenti sul progetto di trivellazioni nel bene antico. Tra queste, Stelle e ambiente, Lipu, Enpa, Legambiente, Gapa, Etna 'ngeniousa e Italia nostra.

Al primo tavolo tecnico di ieri ne seguirà un altro a settembre, l'ultimo presieduto dall'attuale dirigente del Parco, Maria Grazia Branciforti, in attesa di andare in pensione. Tra novembre e gennaio, invece, quando i visitatori del teatro romano diminuiscono, è prevista una trivellazione per fini conoscitivi del sottosuolo. Un'occasione per scoprire dal punto di vista geologico cosa c'è sotto il bene.

Due le possibili sorprese attese dalle associazioni presenti: la presenza di lave pre-etnee - come quelle dei noti faraglioni di Acitrezza - e quella di una falda acquifera, entrambe al di sotto della argille. Caso, quest'ultimo, che dimostrerebbe come l'acqua del laghetto che fa mostra di sé nell'orchestra del teatro romano non sia di origine piovana ma sotterranea.

Con una particolarità: il livello dello specchio d'acqua non cresce con le piogge, ma a distanza di tre o quattro mesi da queste. Sinonimo, secondo le associazioni, di un originario bacino di ricarica lontano, forse anche sull'Etna. Un'acqua purissima, quindi, che farebbe da habitat ad animali e piante tutti da identificare con certezza scientifica e che concorrerebbero a creare un ambiente umido da salvaguardare.

Da adesso fino alla prossima primavera, starà alle associazioni che hanno offerto la propria consulenza scientifica gratuita sciogliere questi dubbi e dare delle risposte. Tramite schede tecniche, i cui risultati andranno a formare il contenuto di appositi pannelli didattici bilingue - idea proposta dall'associazione Lipu e accolta dal Parco arecheologico - che verranno esposti nel teatro per spiegare la natura del laghetto e le sue caratteristiche.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×