Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via D'Amelio, ragazzi in festa per ricordare
«Un evento per chi crede nel cambiamento»

Oggi, alle 19, nel cortile del Tribunale per i minorenni di Catania si svolgerà la commemorazione della morte del magistrato Paolo Borsellino. L'evento coinvolgerà alunni delle scuole a rischio di Catania e provincia e ragazzi detenuti del carcere di Acireale e Bicocca in permesso premio. «Vogliamo ricordare che una Sicilia migliore e senza mafia è possibile», spiega il magistrato Emma Seminara

Agata Pasqualino

«Il giudice Paolo Borsellino era molto vicino ai minori, li incontrava nelle scuole e riusciva, nonostante tutti gli impegni, a trovare il tempo per loro. Per questo abbiamo pensato di ricordarlo con una festa che mette al centro i ragazzi». Il magistrato Emma Seminara del Tribunale per i minorenni di Catania spiega così le ragioni che quest'anno, per la prima volta, hanno portato ad organizzare l'evento che si svolgerà stasera alle 19 nel cortile della sede del tribunale di via Franchetti per commemorare la strage di via D'Amelio, in cui Paolo Borsellino ha perso la vita assieme agli agenti della sua scorta 22 anni fa per mano della mafia. All'appuntamento, promosso dalla sezione catanese dell'associazione Magistrati per i minorenni e la famiglia, parteciperanno giovani delle scuole a rischio di Catania e provincia e alcuni detenuti del carcere minorile di Acireale e Bicocca in permesso premio.

Al centro dell'evento sarà la musica della orchestra Di.sco. Brass Ensemble, diretta dal maestro Giuseppe Privitera, che raggruppa 60 ragazzi in una situazione di disagio legata all’impossibilità di proseguire gli studi musicali a conclusione della terza media. «È un progetto di aggregazione giovanile meritevole che ha lo scopo di tenere viva la passione per la musica anche quando la situazione familiare ed economica lo rendono difficile», racconta il magistrato. I giovani musicisti accompagneranno - anche con strumenti inventati da loro - Roberto Fuzio dei Lautari, che leggerà la lettera che Borsellino scrisse, alle 5 del mattino del giorno della strage, a una professoressa per scusarsi di non poter andare a scuola a incontrare i suoi alunni.

Durante l'incontro verrà proiettato anche il mini documentario Lo decide il vento di Giuseppe Consales, che racconta l'esperienza reale di una messa alla prova (la possibilità di evitare il carcere grazie a un progetto formativo, ndr) di un giovane che ritrova la via della legalità con la passione per la vela. «Attraverso la musica e queste storie vogliamo dare un messaggio di speranza per una Sicilia migliore e contro la mafia. È una festa per chi crede che il cambiamento è possibile», conclude il magistrato.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×