Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Iblis, confiscati i beni di Rosario Di Dio
Circa 12,5 milioni tra case, conti e mezzi

Dopo la condanna in primo grado a 20 anni per associazione mafiosa ed estorsione, è scattata la requisizione dei possedimenti per quello che i magistrati hanno definito il boss di Ramacca. Uscito dal carcere nel 2003, si sarebbe adoperato per ricostruire il gruppo criminale nella zona di Palagonia. Guarda le foto

Claudia Campese

Circa 12 milioni e mezzo di euro tra case, mezzi e aziende. È il valore della confisca di beni nei confronti di Rosario Di Dio, condannato in primo grado a 20 anni per associazione mafiosa ed estorsione all'interno dell'indagine Iblis sulle connivenze tra politica, imprenditoria e mafia in provincia di Catania. Di Dio, definito il boss di Ramacca, per chi è della zona è noto come il gestore del distributore Agip sulla Catania-Gela. Ma è diventato oggetto di interesse per gli investigatori a partire dal 2006, dopo altre operazioni che avevano decapitato la cosca etnea in città e provincia, per capire chi avesse preso il posto degli arrestati.

Rosario Di Dio (A), Agostino Sangiorgi (B) e Fausto Fagone (C) si incontrano presso il distributore di carburante di Di Dio

Ancora uno scatto delle osservazioni dei Carabinieri di Catania tra Di Dio e i politici Fagone e Sangiorgi

Per i magistrati, Rosario Di Dio è il boss di Ramacca. Noto in zona per essere il gestore del distributore Agip sulla Catania-Gela

Nel 2003, uscito dal carcere, Di Dio avrebbe chiesto di poter parlare con Francesco La Rocca, storico capo della famiglia criminale del Calatino, e Giuseppe Mirabile, allora reggente a Catania, per avere la loro autorizzazione a riorganizzare il gruppo a Ramacca e Palagonia. Autorizzazione che sarebbe arrivata e non sarebbe piaciuta a tutti, come emerge dalle intercettazioni tra Tommaso Somma e Franco Ilardi, entrambi imputati in Iblis.

Una posizione, quella di Di Dio, che l'avrebbe portato ad avere rapporti anche con alcuni politici locali. Come Fausto Fagone, ex deputato regionale Pid e sindaco di Palagonia, e Antonino Sangiorgi, ex consigliere e poi assessore sotto Fagone del Comune palagonese. Entrambi condannati in Iblis per concorso esterno in associazione mafiosa.

A Di Dio, come previsto dalla sentenza di primo grado, sono stati confiscati dai Carabinieri di Catania 49 immobili, undici disponibilità finanziarie, dieci mezzi, quattro aziende e una quota di partecipazione societaria. Per un totale di circa 12,5 milioni di euro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×