Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La Regione chiude la discarica di Motta
Di Guardo: «Una notizia eccezionale»

Marco Lupo, commissario regionale per l'emergenza Rifiuti, ha imposto la chiusura entro agosto della discarica in contrada Valanghe d'inverno. Una notizia subito accolta con entusiasmo dal comitato che si oppone da sempre al sito e da Nino Di Guardo, sindaco del comune di Misterbianco. «Dobbiamo ringraziare le indagini dell’ex assessore Nicolò Marino per questo risultato». Domenico Proto, titolare della ditta Oikos proprietaria della discarica, era stato arrestato nei giorni scorsi

Leandro Perrotta

«Stento a crederci. Da Palermo, finalmente, sono state revocate tutte le autorizzazioni per la discarica di contrada Valanghe d'Inverno. Il sito verrà chiuso, si spera, definitivamente». Esprime così la sua gioia a CTzen Danilo Festa, ex candidato a sindaco di Motta Sant'Anastasia e coordinatore del comitato contro la discarica del paese etneo. La notizia, del resto, è di grande portata: con decreto numero 1142 del 22 luglio, il dirigente regionale del dipartimento Acqua e Rifiuti della Regione siciliana Marco Lupo ha negato il rinnovo delle autorizzazioni alla nuova discarica, nata proprio accanto al vecchio sito di contrada Tiritì, di cui è proprietario l'imprenditore Domenico Proto, titolare della Oikos spa, arrestato pochi giorni fa a seguito dell'inchiesta palermitana Terra mia. La Regione ha disposto la chiusura della discarica e la conseguente bonifica del territorio, entro il mese di agosto.

«E' una notizia eccezionale: adesso i proprietari della discarica dovranno presentare un progetto di gestione post mortem del sito. Il territorio tra Motta Sant'Anastasia e Misterbianco non deve conoscere più discariche», riferisce con entusiasmo il sindaco di Misterbianco Nino Di Guardo. «La notizia è arrivata ieri sera e dobbiamo ringraziare l'ispezione voluta dall'assessore regionale Nicolò Marino: grazie a quel lavoro, dove emersero mille irregolarità, il dirigente oggi ha potuto disporre la chiusura», afferma Di Guardo. Che non teme nemmeno un eventuale ricorso da parte dei proprietari. «I titolari potranno opporsi, come per ogni atto amministrativo, ma noi abbiamo argomenti sufficienti per rendere la chiusura definitiva ed irreversibile», conclude il primo cittadino di Misterbianco.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×