Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Motta, il day after la chiusura della discarica
I comitati: «Vigileremo sulla bonifica»

All'indomani della notizia della revoca delle autorizzazioni all'impianto di contrada Valanghe d'inverno, a Motta Sant'Anastasia i gruppi civici che da anni si oppongono alla struttura festeggiano la vittoria. Ma la loro lotta, dicono, non è terminata. Ripristino ambientale, siti alternativi, ricaduta occupazionale i nodi da sciogliere

Carmen Valisano

Soddisfazione. Felicità. Ma anche la consapevolezza che la strada da affrontare è ancora lunga e piena di incognite. All'indomani della notizia del diniego dell'Autorizzazione integrata ambientale alla Oikos spa e la chiusura - a meno di eventuali ricorsi - dell'impianto di gestione dei rifiuti di contrada Valanghe d'inverno, i comitati No discarica di Motta Sant'Anastasia e Misterbianco non perdono di vista l'obiettivo: la salute dei cittadini. Quella - come hanno sostenuto per anni - messa in pericolo da un impianto sorto a cinquecento metri dalle abitazioni e non, come previsto per legge, a cinque chilometri. «Tutte tesi sminuite negli anni, ma avevano fondamento», afferma Danilo Festa, coordinatore del gruppo mottese.

Il doppio impianto di contrada Tiritì (ormai saturo e destinato alla bonifica) e di Valanghe d'inverno ricade sui confini del Comune di Motta, ma è più vicino a quello di Misterbianco. Sono i cittadini di quest'ultima quelli investiti prima dagli odori nauseabondi e che hanno iniziato già nei primi anni Duemila la lunga battaglia contro l'impianto gestito dalla Oikos spa, al centro di un'indagine della magistratura di Palermo. «Siamo molto felici del fatto che una battaglia che sembrava impossibile arrivi a questo punto - esclama Josè Calabrò, attivista di Misterbianco - È una lotta per la salute e il diritto alla vita che oggi ha avuto un nuovo riscontro della sua fondatezza». Quella che Calabrò definisce «Davide contro Golia. Eravamo agli arresti domiciliari per la puzza!», esclama con amarezza.

Un punto di svolta viene individuato nella relazione dei tecnici chiamati a indagare dall'ex assessore regionale all'Ambiente Nicolò Marino. Ma la storia dei comitati parte da prima e fornisce proprio ai dirigenti regionali del materiale importante. «Abbiamo raccolto documenti che raccontavano le illegittimità, abbiamo manifestato, raccolto firme, siamo scesi in strada», racconta l'attivista. «In questi giorni ci ha risposto anche la Commissione europea, il nostro ricorso sta andando avanti anche lì». «Oggi siamo estremamente soddisfatti: avevamo ragione», le fa eco Festa.

Ma il pensiero vola subito a cosa accadrà nelle prossime settimane, quando l'azienda dovrà presentare il piano di ripristino ambientale. «Staremo a vigilare sulle prossime mosse dell'Oikos. In caso di loro ricorso saremo pronti a opporci», garantisce Danilo Festa. «Chiederemo al presidente della Regione Rosario Crocetta l'atto formale di annullamento dell'ampliamento», aggiunge Josè Calabrò. Che mette sul tavolo le altre problematiche che lo stop imposto ieri porta con sé. «La strada da seguire è quella dei rifiuti zero, ma si devono individuare i siti nei quali temporaneamente andranno portati i rifiuti». E, tema da non sottovalutare, «bisognerà prestare attenzione alla ricaduta occupazionale».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×