Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lavoratori Aligrup, da settembre in mobilità
«Paghiamo gli sbagli di Scuto e del sistema»

Ai dipendenti del gruppo ex Despar, in cassa integrazione fino al 17 settembre, è stata recapitata la lettera di preavviso di licenziamento. Molti ex lavoratori sono stati riassorbiti, non senza difficoltà, ma in più di 500 saranno coinvolti nel provvedimento. «Abbiamo pagato il prezzo più caro - dice uno di loro - e adesso siamo stanchi. Tra chi lavora in nero e chi si arrangia, vogliamo solo che la vicenda finisca»

Agata Pasqualino

«Non è che se uno se ne va dalla Sicilia trova l'America». Lo dice con voce piena allo stesso tempo di dubbio e consapevolezza, Giuseppe Russo, 38 anni, lavoratore in cassa integrazione del gruppo Aligrup, la società del re dei supermercati Sebastiano Scuto, sotto processo da 13 anni per associazione mafiosa, adesso in liquidazione. A lui e ad altri più di 500 colleghi è stata annunciata la mobilità a partire da settembre: un preavviso di licenziamento che incombe su chi da due anni non riesce a trovare un lavoro per mantenere la propria famiglia - nel caso di Russo, un bambino di quattro mesi e una compagna con un impiego precario - e la consapevolezza che farlo allontanandosi dalla propria terra e dagli affetti non sia così semplice e scontato.

Durante un incontro con il liquidatore della società, il 12 luglio, era stato deciso di redigere una graduatoria del personale non ancora collocato, nella speranza che si realizzi la cessione di altri punti vendita con il reinserimento dei lavoratori. «Molti locatori, però, invece di ricevere i soldi per la copertura dei debiti nei loro confronti, chiedono di avere la licenza dei supermercati senza obbligo di riassumere gli ex dipendenti», dichiara Russo, che per quasi dieci anni ha lavorato al centro commerciale Le Zagare, adesso acquisito dal marchio Coop insieme ad altri cinque punti vendita siciliani, dove sono stati riassorbiti 356 ex dipendenti.

«Purtroppo neanche per chi è stato ricollocato le cose stanno andando bene: la Coop ha annunciato una nuova cassa integrazione, la Conad chiude a settembre e la Pam ha licenziato dei lavoratori», spiega. L'ex dipendente Despar non vede molte prospettive di lavoro in Sicilia e ricorda come il gruppo Aligrup sia stato per loro un'opportunità: «Era un'azienda florida - dice - che incassava e andava bene. C'era del marcio, ma noi non lo vedevamo, non era nel nostro lavoro - continua - Dai numeri positivi importanti si è passati al buco di 170 milioni di euro e a pagare il prezzo più caro siamo stati noi dipendenti, vittime non solo della cattiva gestione ma del sistema Sicilia».

Tra i colleghi di Russo c'è chi è partito, chi aspetta e chi si reinventa. «Alcuni sono andati a Colonia, in Germania - racconta - Poi c'è chi ha un figlio disabile e si arrangia con la cassa integrazione e la pensione d'invalidità e aspetta non so cosa. C'è chi lavora in nero in altri campi, come imbianchino o muratore e, aggiungendo i soldi della cassa, se la passa meglio degli altri. E c'è anche chi ha chiesto i soldi della cassa integrazione tutti in una volta per aprire un'attività - continua Russo - Ma siamo stanchi e la maggior parte vuole che tutto finisca, per smettere di sentirsi appesi a un filo».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×