Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acitrezza, le analisi dell'Asp tranquillizzano
Ma a mare restano puzza e sporcizia

Prima l'alga tossica, poi il divieto di balneazione, quindi il guasto alle elettropompe. E' un'estate senza pace per le acque del comune di Aci Castello. Una buona notizia sembrerebbe arrivare dai rilievi dell'Azienda sanitaria provinciale: le prove microbiologiche parlano di valori nella norma al porticciolo trezzoto e all'isola Lachea. Eppure l'odore e il colore del mare non convincono i bagnanti

Alessia Zuppelli

Gli interventi del Comune e le ultime analisi dell'Asp tranquillizzano, ma lo stato e le tonalità grigie del mare di Aci Castello rimangono a prima vista preoccupanti. E' un'estate senza pace per le acque del comune rivierasco. L'allarme inquinamento da qualche settimana interessa la zona del porto di Acitrezza. Ma i nuovi documenti resi noti dall'Azienda sanitaria provinciale parlano di valori entro la norma. A preoccupare residenti e bagnanti, in principio è stata l’alga tossica, nei pressi del lungomare Scardamiano ad Aci Castello. Successivamente si è discusso di un’analisi chimica effettuata da un cittadino, nelle vicinanze dell’ex casa cantoniera, che rilevava valori sopra la norma consentita.

La vicenda del porto del paese dei Malavoglia inizia intorno al 22-24 luglio, quando si riscontra uno sversamento nelle acque del porticciolo di Acitrezza. A segnalare l’inconveniente all’assessore all’Ecologia Salvo Danubio, è il consigliere del gruppo Csa Cambiamento Antonio Guarnera. L'assessore dichiara di aver prontamente avvisato gli uffici e che in realtà si tratta semplicemente di un guasto al quadro elettrico delle pompe di sollevamento che l'indomani viene ripristinato. Ma un nuovo guasto viene segnalato il 25 luglio. E stavolta non si tratta del quadro elettrico. «Dopo le opportune verifiche, i tecnici hanno riscontrato notevoli danneggiamenti - spiega l'assessore Danubio - Si è provveduto così a comprarle nuove, perché ripararle, come costi e tempi, sarebbe stato peggio». Le nuove idropompe sono state collocate proprio oggi.

Le pompe sollevano le fogne da via Gibuti verso Piazza Marina. Secondo l’amministrazione il problema sarebbe dovuto all’aumento delle presenze turistiche sul territorio. Questo avrebbe prodotto guasti alla condotta fognaria, sovraccarica e obsoleta. Da qui l'acquisto, deciso il 29 luglio, delle due elettropompe dalla ditta Xylem Water Solution –Italia s.r.l per un costo di 16mila euro e la successiva installazione per 2mila 440 euro.

«Non è stato il Comune a realizzare questo scarico, l'autorizzazione viene dalla Regione - continua Danubio - In questi giorni il Comune si è mosso eseguendo le analisi. Anche quelle intorno all'isola Lachea, che di solito si effettuano ogni mese e che invece abbiamo anticipato. Cambiando le pompe, comunque, si risolve esclusivamente il problema al porto, non dell'intero sistema fognario risalente agli anni Ottanta».

Un punto fermo e una risposta alle polemiche e alle preoccupazioni riguardo la condizione delle acque, arriva dai risultati delle analisi dell'Asp, effettuate il 29 luglio. Le prove microbiologiche smenriscono i casi di allarmismo. I valori risultano nella norma nei seguenti punti del porticciolo di Acitrezza: zona Molo, attigua alla statua di Padre Pio, zona pontile nautica Gleen, zona tra pontile nautica Grasso e nautica Amoroso, Scoglio Cantiere Rodolico, e Molo distributore gasolio barche (in quest'ultimo caso uno dei valori è vicino alla soglia massima). Tra l'1 e il 4 agosto l'Asp ha effettuato altre analisi che riscontrano valori nella norma in quattro diversi punti nei pressi dell’isola Lachea.

I dati sono rassicuranti al contrario del colore delle acque e del pessimo odore in quelle zone. Chi seguire? I nostri sensi o le analisi biologiche? Ad ogni modo la soluzione rimane il collettore fognario. L'appalto per la sua realizzazione è già stato assegnato.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×