Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, «Lombardo canale per i Santapaola»
Un complesso sistema, il ruolo di Ciancio

Sono state depositate le motivazioni della sentenza che lo scorso febbraio ha condannato l'ex presidente della Regione Raffaele Lombardo a sei anni e otto mesi per concorso esterno in associazione mafiosa. «Ha sollecitato, direttamente o indirettamente, i vertici di Cosa nostra a reperire voti per lui e per il partito per cui militava», scrive il Gup Marina Rizza che dedica ampio spazio anche alle accuse nei confronti dell'editore de La Sicilia

«Raffaele Lombardo costituiva un canale diretto per la famiglia Santapaola-Ercolano di Cosa nostra permettendole di consolidare la sua egemonia nei confronti di altri clan, attraverso la creazione di un complesso sistema organizzativo ed operativo di cui facevano parte, quali componenti parimenti necessari, gli imprenditori amici e gli esponenti della famiglia, creando vantaggi di cui beneficiava anche l'associazione mafiosa». E' il cuore delle motivazioni della sentenza del Gup di Catania, Marina Rizza, che ha condannato a 6 anni e 8 mesi per concorso esterno in associazione mafiosa l'ex governatore della Sicilia Raffaele Lombardo. Le motivazioni sono state depositate lo scorso 18 agosto e riempiono 325 pagine. Tra cui trovano spazio anche le accuse nei confronti dell'editore de La Sicilia, Mario Ciancio Sanfilippo, che scrive Rizza nella sentenza, «attraverso i contatti con Cosa nostra di Palermo avrebbe quindi apportato un contributo concreto, effettivo e duraturo alla famiglia catanese. Per questo - spiega il giudice - appare necessario la trasmissione degli atti al Pm per la valutazione di competenza sull'imprenditore».

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×