Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bilancio incerto per le compagnie aeree
Dal primo ottobre chiude Air one

A ridosso della chiusura della stagione estiva il mercato fa i conti con il riassestamento del settore dopo l'accordo Alitalia-Etihad. L'azienda diretta da Del Torchio ha annunciato la chiusura della low cost. Occhi puntati sugli aeroporti siciliani di Catania e Palermo, città che rischiano di perdere posti di lavoro, oltre a rotte disponibili

Redazione

Con la fine di agosto è tempo di fare il bilancio della stagione estiva per compagnie aeree e aeroporti alle prese con la crisi che ha frenato le partenze e il riassestamento del settore dopo l'accordo Alitalia-Etihad. A poco sembra dunque essere servita la strategia di promozioni e offerte di questi ultimi tempi, come la promozione con codici sconto per alcune tratte disponibili in rete su siti del tipo di signorsconto.it, effettuata per cercare di abbassare l’agguerritissima concorrenza delle compagnie low cost. La compagnia di bandiera è nel mirino di sindacati e passeggeri, ma non solo. Gli esuberi stimati sono duemila e la partnership con la regia compagnia di Abu Dhabi prevede la riduzione del costo del lavoro dei dipendenti, oltre alla possibilità di dislocamento nelle basi negli Emirati Arabi. Sul matrimonio Alitalia-Etihad grava anche un'altra preoccupazione, forse la più problematica: l'Unione europea ha chiesto mercoledì la documentazione relativa all'accordo per garantire che il controllo dell'azienda rimanga nel vecchio continente.

La liason più chiacchierata dell'estate (e del settore) inevitabilmente ha avuto ripercussioni sulla compagnia low cost di Alitalia, Air one, che ha annunciato la fine dei servizi dopo la chiusura della stagione, dirottando le prenotazioni dal primo ottobre in poi direttamente al portale della compagnia diretta da Gabriele Del Torchio. Un cambiamento non solo formale, però, dato che Palermo e Catania sono entrambe basi degli aerei della low cost. Due città che rischiano di perdere posti di lavoro, oltre a rotte disponibili.

Altri tagli sono quelli annunciati da Meridiana, che ha eliminato la tratta Torino-Catania, mentre viaggia a vele spiegate Vueling. La compagnia spagnola di base a Barcellona mantiene le sue rotte dalle falde dell'Etna verso la Spagna (con Catalogna, Ibiza, Maiorca), Parigi e Bruxelles. Molto gettonata anche la destinazione toscana, grazie agli slot di Firenze lasciati liberi da Alitalia, e quella verso Roma.

Chi canta decisamente vittoria in questa stagione è sicuramente Ryanair. La compagnia di Michael O'Leary, si è inserita bene nel mercato siciliano, conquistando gli scali di Catania e Comiso. Dal capoluogo sono confermate tutte le destinazioni italiane (Bologna, Bergamo, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Treviso) ed europee (Eindhoven, Madrid, Marsiglia). Un trend che ha contribuito a mantenere positivi anche i dati dello scalo etneo che a luglio ha fatto registrate un aumento del 15 per cento nel numero di passeggeri.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×