Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, brucia la terra di Emanuele Feltri
«Più di cinquecento ettari andati in fumo»

Un incendio doloso, appiccato dai pastori per garantirsi erba fresca in cui far pascolare le loro pecore. È questa la convinzione del giovane imprenditore agricolo etneo, tornato dalle vacanze per spegnere un incendio divampato la notte scorsa in diversi terreni. E a seguito del quale ha perso tutti i suoi alberi di ulivo. «Gli altri agricoltori hanno paura, ma gli interessi della pastorizia non possono distruggere tutto», afferma

Luisa Santangelo

«Va male, va malissimo». Emanuele Feltri la notte scorsa l'ha passata a respirare il fumo di un incendio. Quello, probabilmente doloso, che ha devastato i suoi cinque ettari di terreno in contrada Sciddicuni, a Paternò, e che ha mandato in fumo anche la terra delle contrade vicine, fino al castello della baronessa di Poira, alcune colline più in là. «Sono stati ridotti in cenere più di cinquecento ettari di terra», racconta Feltri, il giovane imprenditore agricolo catanese che – dopo l'uccisione delle sue pecore e la testa di un capretto fatta trovare davanti alla porta di casa sua a scopo intimidatorio – è diventato un simbolo di legalità nel Paternese.

«Mi ero preso un fine settimana di vacanza in Sila – dice il ragazzo – Solo tre giorni per staccare dal lavoro». Domenica, invece, una telefonata dai suoi collaboratori l'ha avvisato che erano scoppiate le fiamme a due passi da casa sua, tra i suoi campi nel pieno della valle del Simeto, nell'area protetta dell'oasi di Ponte barca. «Il tempo di prendere le mie cose e mi sono rimesso in marcia per tornare dalla Calabria alla Sicilia», spiega. «Quando ho rimesso piede a Sciddicuni, ho tentato di salvare il salvabile assieme a due amici che lavorano con me, con il forte vento che ci rendeva difficili le cose». Lui è riuscito ad accendere, «rischiando di soffocare per il fumo», l'impianto di irrigazione dell'agrumeto e ha spento il fuoco tra i suoi alberi di arance. Ma altrettanta fortuna non ha avuto l'uliveto: «Alberi secolari completamente distrutti, ulivi bellissimi e di grande valore che ormai sono morti del tutto: ho perso loro, il mio raccolto di olive e la produzione d'olio di quest'anno e degli anni a venire, perché senza alberi che devo raccogliere più?».

«Nonostante bruciassero anche i terreni dei vicini, gli unici che fossero lassù a tentare di domare le fiamme eravamo noi tre e una squadra di vigili del fuoco, gli altri agricoltori non si sono preoccupati di venire, hanno paura», dichiara Emanuele Feltri. Perché, secondo lui quell'incendio non può che essere stato causato volontariamente da qualcuno: «È ovvio, non può essere altrimenti: sono stati i pastori che bruciano la terra perché, quando poi l'erba ricresce, è nuova e fresca per le loro pecore. Ma per gli interessi della pastorizia non puoi distruggere ettari ed ettari di terreno, rovinando il lavoro di chi li coltiva».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×