Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Processo Noce, «Gagliano è solo strano»
La perizia dello psichiatra delle parti civili

«Non ci sono elementi clinici che portino a credere che il ragazzo sia una personalità psicopatica. Al massimo, è solo un soggetto un po' stravagante». Con queste parole lo psichiatra Filippo Lanaia, perito nominato dalle parti civili, esclude la possibilità che l'assassino di Stefania Noce sia stato e sia tutt'ora incapace di intendere e di volere. Alla fine dell'intero procedimento mancano le ultime quattro udienze

Luisa Santangelo

Adesso che si avvicina la sentenza, il calendario è fitto d'appuntamenti. Il processo di secondo grado contro Loris Gagliano – il ventisettenne che il 27 dicembre 2011 ha ucciso la sua ex fidanzata, Stefania Noce, e il nonno di lei, Paolo Miano – è ormai alle battute finali e si concluderà il 25 novembre, giorno in cui il giudice Luigi Russo formulerà il giudizio d'Appello. Prima di allora, però, dovranno essere sentiti ancora due testimoni: il perito nominato dalla difesa dell'imputato e Filippo Lanaia, psichiatra chiamato in causa dalle parti civili. Quest'ultimo ha consegnato oggi, al tribunale di Catania, la sua relazione sullo stato mentale dell'assassino. «Non sussistono elementi clinici che portino a riscontrare in Gagliano gli aspetti tipici di una personalità psicopatica», afferma Lanaia, neuropsichiatra e professore associato del dipartimento di Neuroscienze dell'università di Catania.

La sua perizia, formulata su richiesta delle parti civili - la famiglia Noce, il Comune di Licodia Eubea dove è avvenuto l'omicidio e il centro antiviolenza Thamaia – contraddice quella depositata dai due psichiatri nominati dalla Corte, Francesco Bruno e Bruno Calabrese. Nel documento redatto dai due esperti si diceva che «Loris Gagliano è gravemente paranoico, la sua patologia è praticamente da manuale». «Non ho riscontrato, nel materiale fornito dai due colleghi, prove cliniche e scientifiche che sostengano questa ipotesi», ribatte Lanaia, in accordo coi due consulenti della procura di Catania, Carla Barile e Angelo Zappalà, sentiti a luglio. «Al limite, si può parlare di una persona un po' strana, forse stravagante, sicuramente è un narcisista – sostiene il medico – Ma il suo carattere non sconfina in un'alternazione funzionale della personalità». E, specifica lo specialista, «il narcisismo non è fondamento di psicopatia».

Quello che manca a rendere la «stravaganza» di Loris Gagliano una vera e propria malattia sono i sintomi: «Non ha allucinazioni uditive o visive, non ha alcuna alterazione della percezione e della coscienza delle sue azioni, non ha una paranoia continuativa nel tempo». L'unico momento in cui cui il giovane è apparso in stato confusionale e gravemente turbato sarebbe stato quello «immediatamente successivo all'omicidio. Ma anche questo è normale: se fosse stato freddo e cinico, dopo aver fatto tutto quello che ha fatto, avrebbe reso necessarie valutazioni ben più complesse». Il profilo tracciato da Filippo Lanaia non è quindi quello di un uomo incapace, parzialmente o totalmente, di intendere e di volere: «È intelligente, e viene spontaneo pensare che abbia usato le sue conoscenze di Psicologia (il corso di laurea che aveva intrapreso all'università, ndr) per manipolare il risultato dei test a cui è stato sottoposto».

Compreso il celeberrimo test delle macchie di Rorschach, colonna portante della diagnosi di Calabrese e Bruno: «Ci sono esami ai quali uno stesso paziente non può essere sottoposto in un arco di tempo limitato, quello di Rorschach è uno di questi». Invece, le tavole del test erano state mostrate a Gagliano in occasione dell'incontro col primo psichiatra, Eugenio Aguglia, il cui lavoro era servito a sostenere le motivazioni del ricorso in Appello. Ma l'analisi del primo specialista era stata sbugiardata dallo stesso Loris Gagliano, che aveva denunciato di essere stato obbligato a seguire delle terapie contro la sua volontà e aveva raccontato di non riconoscere la sua firma in calce a un disegno che gli veniva attribuito. «All'epoca dell'incontro con Aguglia, l'imputato si era rifiutato di effettuare il test di Rorscharch. E allora perché ha accettato di farlo la volta successiva, in occasione della seconda somministrazione nell'arco di poco tempo?», si domanda Lanaia. Che aggiunge: «Ogni suo comportamento può rientrare in una strategia difensiva ben precisa, tutti i documenti in nostro possesso ci raccontano di un soggetto lucido e assolutamente normale».

Nel valzer dei pareri clinici, a questo punto, manca solo quello del perito psichiatrico nominato dalla difesa di Gagliano. Quest'ultimo sarà sentito il 13 ottobre, nel corso dell'ultima udienza prima della requisitoria del pubblico ministero e delle conclusioni delle parti civili. Poi, a fine novembre, il giudice si chiuderà in camera di consiglio nell'ultimo atto di un processo durato un anno.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×