Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via D'Annunzio, commercianti in rivolta
«Con la nuova viabilità incassi giù del 50%»

Rotonde e diversi sensi di marcia: le novità decise in via sperimentale ad agosto dall’amministrazione tra corso delle Province e via D'Annunzio scatenano il malcontento degli esercenti. Caos, incolonnamenti e calo dei clienti i problemi riscontrati. «Chiediamo a Bianco ascoltarci e cambiare, altrimenti in nome della sicurezza la zona muore», denunciano

Cassandra Di Giacomo

«Da quando l'amministrazione comunale ha sconvolto la viabilità di via Gabriele D'Annunzio e di Corso delle Province, c'è sempre una gran confusione di automobili che allontana i clienti». Davide Zuccaro, commerciante della zona da oltre quarant'anni, in sessanta giorni ha visto calare il proprio fatturato del 35 per cento. E non è il solo. La nuova viabilità - modificata per questioni di sicurezza - è stata infatti decisa in via sperimentale dall’amministrazione etnea lo scorso 8 agosto. Ma non risulta funzionale alle necessità degli imprenditori che lamentano disagi come caos, incolonnamenti e calo dell'affluenza dei clienti in bar e negozi. «La gente prima di venire a fare acquisti ci pensa due volte perché sa di non trovare parcheggio e di restare per ore imbottigliata nel traffico», continua il negoziante. Che ha organizzato insieme ai colleghi una petizione per chiedere all'amministrazione Bianco di ascoltare le loro richieste. Il risultato? «Solo alcuni incontri inconcludenti», afferma.

Difficoltà di sosta breve, perdita della clientela, abbassamento del fatturato medio mensile. Sono questi i problemi che hanno riscontrato i titolari delle attività commerciali - circa cento - distribuite tra via D'Annunzio e corso delle Province che hanno il pieno sostegno dalla Confcommercio etnea. «Abbiamo realizzato fotografie e video per dimostrare che questa impostazione non funziona e abbiamo chiesto di attuare delle modifiche, ma nessuno ci ascolta», afferma l'imprenditore Giancarlo Tropea. Che sottolinea: «Io ho subito un calo netto negli incassi che va dal 35 al 50 per cento, e come me molti altri colleghi». «Perché il Comune non ci ascolta?», è la domanda comune a molti commercianti.

«Le vendite sono direttamente collegate alla viabilità e il cambiamento che ha subito la zona potrebbe significare la morte di questo polo commerciale - afferma Francesco Sorbello, vicedirettore di Confcommercio Catania - Il Comune considera solo il fattore sicurezza, ma non valuta che così condanna quest'area al degrado urbano, perché una città senza negozi si svilisce». Tra le soluzioni proposte c'è il ripristino della precedente viabilità e la sostituzione delle rotatorie provvisorie con dei semafori. Dello stesso avviso anche il presidente della commissione consiliare per il commercio Maurizio Mirenda: «Chiediamo all'amministrazione cittadina di condividere gli interessi di questa categoria, andando al di là degli interessi della maggioranza o dell'opposizione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×