Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lampaduza, il libro di Davide Camarrone
Quando la cronaca non basta a raccontare

All’indomani dell'anniversario della strage del 3 ottobre 2013 consumatasi nel mar Mediterraneo nei pressi di Lampedusa, che ha stroncato le vite a più di trecento migranti, il giornalista e autore di diversi romanzi palermitano ha presentato a Catania la sua ultima pubblicazione. Un diario di viaggio, un racconto giornalistico, una riflessione fra memoria e realtà

Alessia Zuppelli

«Perché mai noi siciliani dovremmo saper accogliere uno straniero meglio degli altri? Più generosamente, intendo. Solo per il fatto di costituire il risultato dell’incrocio genetico di una ventina di popoli diversi?». Attorno a questa domanda ruota il libro Lampaduza, del giornalista e scrittore palermitano Davide Camarrone, edito da Sellerio, presentato sabato scorso nei locali della libreria Vicolo Cieco in Via Santa Filomena a Catania.

Il tema dell’immigrazione, che spesso viene confuso con quello dell’integrazione, a cui si lega a sua volta quello dell’accoglienza viene raccontato in queste pagine a partire dalla realtà e dalla storia di Lampedusa. O Lampaduza «Lam-pa-du-za (...) gli arabi la chiamano così». È un testo che racconta la memoria, come garanzia per il futuro, che racconta con taglio giornalistico degli spaccati del nostro tempo, della più grande emergenza migratoria che Lampedusa, la Sicilia, l’Italia, un po’ meno l’Europa si trova a fronteggiare. Un’isola isolata. Si cerca di fronteggiare l’emergenza, ci si è provato. Si racconta dell’indifferenza della vicina Malta, delle sfilate istituzionali, della morte, e della paura della morte. Di pescare la morte, uomini morti come pesci. In fondo al mare e impigliati fra le reti.

Tuttavia, non è sufficiente secondo l’autore fornire al pubblico la notizia di cronaca, una notizia che vista la frequenza, forse, non è neanche più notizia, ma bisogna «raccontare la complessità del Mediterraneo ed i social network non bastano». Un’occasione, questa, per riflettere anche dell’iper informazione, dell’abbondanza di notizie, articoli, commenti, opinioni. Troppe informazioni che ci illudono di aver appreso qualcosa a fine giornata, ma che poi, in fondo, ci consegnano semplicemente flash di notizie, frammentate qua e là. E proprio per questo motivo, la letteratura per Camarrone, interviene nel colmare questo vuoto. Una letteratura che interpreta e racconta il reale, il mondo, quello esterno e quello personale. Una letteratura che colmi la mancanza di spazi dove discutere di questa realtà e di questi mondi.

Nella «desertificazione culturale», sottolinea l’autore, la letteratura deve appunto «interpretare il cambiamento che sta avvenendo e cercare la risposta in quella che potrebbe essere la soluzione». In altri termini considerare l’immigrato come una risorsa da integrare nella nostra realtà. Forse la Sicilia, e l’Italia, non è pronta per integrarsi. Questo non vuol dire che non sia generosa, ma ha semplicemente paura: «Lo spettacolo del confine di Lampaduza si serve di alcune parole chiave. Due in particolare. Invasione e clandestini. Carburante per quella “macchina della paura” (...). La paura dovrebbe riguardare solo i migranti. E invece siamo noi ad aver più paura. Di loro, e in fondo, di noi stessi, della nostra inadeguatezza», spiega Camarrone.

Da quando questa emergenza è ormai sotto gli occhi di tutti si è spesso fatto il paragone con noi italiani (ed europei in generale) migranti, a cavallo fra Otto e Novecento, nelle Americhe. Ma in questo libro l’autore si spinge oltre, i suoi occhi e la sua memoria si ricollegano ad una delle pagine più tristi della storia contemporanea: la Shoah. Camarrone ricorda degli episodi in cui i migranti si sono trovati nudi sull’isola, spogliati di tutto. Chiusi, come nei campi di concentramento, in attesa di fuggire o di morire. Suicidi, come gli ebrei, come Primo Levi, che non hanno retto al sentimento dei “Salvati”. E come gli ebrei, alcuni di loro, in occasione del naufragio del 6 settembre 2012, non furono creduti quando raccontarono che alcuni dei loro sventurati compagni di viaggio erano morti affogati. Giornalisti e non, attanagliati da questo senso di inadeguatezza e travolti da questo cambiamento antropologico. Camarrone conclude il suo libro consegnando al lettore una riflessione su un futuro che non c’è dato sapere: «I naufraghi sono gli italiani dei prossimi anni», rendendo Lampedusa metafora di un difficile cambiamento, di viaggio e di vita.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×