Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, Cosentino convince anche Sannino
«La serie A rimane l'obiettivo che vogliamo»

Poco più di 24 ore fa l'amministratore delegato della squadra rossazzurra aveva ribadito che il traguardo resta la massima serie, nonostante le difficoltà. Un concetto che sembrava stridere con quanto aveva dichiarato l'allenatore appena la settimana prima. Il mister Giuseppe Sannino interviene nuovamente oggi per correggere il tiro. «Il campionato di B ha tre fasi, bisogna restare uniti per trovarsi poi in posizione utile a rincorrere la A»

Marco Di Mauro

Martedì l’intervento dell’amministratore delegato, Pablo Cosentino, in sala stampa. A poco più di ventiquattro ore dall’appuntamento, ai microfoni della trasmissione radiofonica ufficiale, Momenti Rossazzurri, ha parlato l’allenatore della squadra etnea, Giuseppe Sannino. Occasione non casuale, per rifare il punto sulla situazione di difficoltà – arcinota - che attraversa la squadra. A seguito delle dichiarazioni rese da Cosentino – forse non a caso - il tecnico subentrato a Maurizio Pellegrino dopo appena tre giornate (ed un solo pareggio), puntualizza alcuni concetti espressi nelle ultime settimane, tra tutti, l’obiettivo.

Il passo indietro, la parola Serie A, che più volte aveva suggerito di accantonare, motivandone la ragione con i tanti infortunati che impedivano alla squadra di giocare e vincere come da attese di classifica, si trasforma radicalmente: «Le difficoltà – afferma adesso Sannino – devono essere lo sprone perché i ragazzi diano in campo più del loro massimo che, garantisco io, adesso stanno dando. Non possiamo, per tal motivo, rinunciare a giocare e lottare. Al contrario». La serie A resta un obiettivo, che però si allontana: «La serie B è un campionato lungo, contiene almeno tre fasi differenti al suo interno e nessuna preclude un finale importante. Quella che stiamo attraversando in questo momento è fatta di difficoltà numeriche che ci impediscono di giocare come vorremmo. Ma proprio per questo bisogna restare uniti per trovarsi poi in posizione utile a rincorrere la serie A, che rimane quel che i tifosi ci chiedono e quel che la dirigenza, l’allenatore ed i calciatori vogliono».

Come si sopperisce alle oggettive difficoltà numeriche? Tra infortunati, convocati in nazionale, squalificati, la rosa dei disponibili per la gara contro il Bari (domenica alla 12.30 al Massimino) è risicatissima: «Non mi sento un allenatore personaggio, ma un allenatore lavoratore. Per questo non prometto fumo. Non prometto un risultato. Prometto lavoro in campo. Noto adesso, anche da parte dei giocatori più anarchici, la disponibilità di sacrificarsi per la squadra. Voglio che la mia squadra, domenica, scenda in campo con atteggiamento operaio. Voglio un Catania garibaldino, che sappia soddisfare il proprio pubblico per l’impegno che metterà in campo. Al di là di tutto siamo sempre il Catania e perciò dobbiamo sempre e comunque giocare da Catania». E non può esistere frase migliore e più incoraggiante per chiudere questo resoconto. Domenica, però, saranno i fatti ad aver l’ultima parola e dare un senso o un altro alle parole dell’allenatore.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×