Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Domani Catania-Bari all'ora di pranzo
Il mister Sannino: «Isolarsi non aiuta»

Alla vigilia dell'importante match che prima dell'inizio del campionato erano date tra le favorite per la promozione, l'allenatore in sala stampa preferisce non parlare degli infortunati e propone allenamenti a porte aperte. «Chiudersi dentro questo centro, senza saper quel che ci aspetta fuori non aiuta. I mass media vedono, scrivono, dobbiamo prendere atto della verità. I ragazzi l’hanno capito»

Marco Di Mauro

Vigilia dell’ottava giornata di campionato. Il Catania affronterà il Bari al Massimino, ore 12 e 30. A Torre del Grifo, sede degli allenamenti dei rossazzurri, l’allenatore Giuseppe Sannino risponde alle domande che gli vengono poste dai giornalisti e dagli addetti all’informazione presenti.

«Le problematiche a cui dobbiamo far fronte sono arcinote. Sarebbe inutile fare anche la conferenza se questa deve limitarsi all’elenco di squalificati, infortunati ed altri indisponibili. Dovrebbe anzi esser la società, lo staff medico, a parlare di questo. Non io. A me non mi piace piangermi addosso».

Tra le tante problematiche, anche l’assenza di un difensore centrale di ruolo da affiancare a Sauro, unico disponibile. Ultimo, l’infortunio occorso a Castro, che ha spinto Sannino a provar anche un nuovo modulo. «Abbiamo cercato di lavorare nel miglior modo possibile per dare serenità a qualche ragazzo che certo partirà dall’inizio ed ai compagni che dovranno dar loro una mano. Il 3-5-2 potremmo anche adottarlo a partita in corso. Tuttavia il 4-3-3 ci dà più certezze ed è con questo modulo che ripartiremo».

Chiesto, ma non ancora concesso dalla società, d’aprire le porte di Torre del Grifo ai tifosi nel corso della settimana. Anche questo potrebbe influire sul rendimento? «Isolarsi, dentro questo centro, senza saper quel che ci aspetta fuori non aiuta. I mass media vedono, scrivono, dobbiamo prendere atto della verità. I ragazzi l’hanno capito. In questo momento non ci sono parole per far dare ai ragazzi qualcosa in più. Loro danno sempre il massimo. Dobbiamo capire come porci di fronte alla partita. L’atteggiamento faccia a faccia con l’avversario è determinante».

Un pensiero ai tifosi, imbufaliti per il rendimento della squadra, penultima in serie B. «A loro dobbiamo solo rispetto e grazie, anche sotto i fischi o la contestazione. Anche così si dimostra il loro attaccamento verso la maglia. Bisogna dar loro delle risposte, sia nei momenti belli che in quelli brutti. E’ gente che fa sacrifici per venirci a vedere, per starci accanto. Senza di loro il calcio sarebbe deprimente. Però, dico che far muro contro muro non porta da nessuna parte. La parola mercenari, in campo, è pesante. Noi dobbiamo parlare poco e far tanto».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×