Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Operazione Garden, altri cinque arresti
Gli ordini dei boss venivano dal carcere

Salvatore Maglia, Placido Tomasello, Vincenzo Cardillo, Gaetano Musumeci e Giovanni La Rosa sono accusati di far parte del clan Mazzaglia-Toscano-Tomasello. Dalle intercettazioni realizzate dagli inquirenti, emerge come le direttive alla consorteria mafiosa provenissero dalle celle di due referenti di spicco condannati all'ergastolo

Salvatore Caruso

Sono complessivamente 12 i soggetti, appartenenti al clan Mazzaglia-Toscano-Tomasello, che sono stati raggiunti da un ordine di custodia cautelare nel corso dell’operazione Garden: uno dei indagati è ancora irreperibile. Nella mattinata di ieri il giudice per le indagini preliminari, dopo aver emesso le ordinanze di custodia cautelare per i soggetti fermati sabato scorso (Roberto e Giuseppe Maglia, Riccardo Salvatore Cantone, Giuseppe Maglia, Davide Santangelo e Placido Toscano) ha emesso, su richiesta del magistrato della Direzione distrettuale antimafia Andrea Bonomo ulteriori cinque ordinanze di custodia in carcere. Destinatari sono Salvatore Maglia, Placido Tomasello, Vincenzo Cardillo, Gaetano Musumeci e Giovanni La Rosa.

I cinque uomini sono gravemente indiziate di fare parte dell’associazione mafiosa, di avere commesso delle tentate estorsioni e di avere detenuto armi anche da guerra per affermare la propria predominanza sul territorio. In particolare, Salvatore Maglia (fratello di Alfredo Maglia, assassinato ad Adrano il 28 ottobre del 2013) e Placido Tomasello (capo incontrastato del clan alla fine degli anni '90 e all’inizio del nuovo millennio), detenuti da lungo tempo a Tempio Pausania perché condannati all'ergastolo per l’omicidio del pugile Carmelo Ventura avvenuto nel 1998, continuavano a dare direttive dalla cella in cui erano detenuti agli altri componenti del clan, attraverso le telefonate autorizzate e i colloqui.

Giovanni La Rosa era in carcere in quanto arrestato nel corso dell'operazione Binario morto avvenuta ad Adrano lo scorso 29 aprile. La Rosa, secondo gli inquirenti era l’autista di Alfredo Maglia. Vincenzo Cardillo, attuale reggente del clan, e Gaetano Musumeci, invece sono stati arrestati lo scorso 6 ottobre perché trovati in possesso di armi da guerra. Proprio quella mattina un commando avrebbe dovuto commettere un omicidio. Vittima designata un componente storico del clan: l’omicidio avrebbe dovuto rappresentare una sorta di rappresaglia dopo l’assassinio di Alfredo Maglia e Nicola Gioco, quest’ultimo per lo zio Salvatore Maglia era ancora un ragazzino: «Hanno ammazzato un ragazzino, era solo un picciriddu». Nelle intercettazioni fatte in carcere, lo zio della vittima non si dà pace. E vuole la vendetta.

L’operazione Garden ha ottenuto il plauso del sentore Salvo Torrisi, componente della commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie al Senato: «Rivolgo, ancora una volta, il mio apprezzamento alla Direzione distrettuale antimafia della procura di Catania, nonché alla squadra mobile della questura e del commissariato della polizia di Stato di Adrano, e dei militari del nucleo investigativo del comando provinciale di Catania, per l'importante operazione antimafia svoltasi nel territorio di Biancavilla. Tali azioni continue a massicce dimostrano l'efficacia dell'azione dello Stato nel nostro territorio nella lotta contro la criminalità organizzata di tipo mafioso, la quale costituisce ancora il male principale che blocca lo sviluppo socio-economico in Sicilia, e che compromette gravemente la sicurezza e la libertà dei cittadini».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews