Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Squadra da improvvisare con lo Spezia
Sannino su Leto: «Una notte per decidere»

Alla vigilia della trasferta in Liguria, nel consueto incontro con i giornalisti, l'allenatore carica la squadra: «Sono venuto al Catania per vincere. La mia squadra gioca sempre per i tre punti, anche se la classifica non le rende merito»

Marco Di Mauro

Due sconfitte consecutive esterne con Frosinone e Bari. Alla vigilia della partita contro lo Spezia, in trasferta, i temi della settimana non sono diversi da quelli delle precedenti. Tanti infortunati. Qualche squalificato. Squadra titolare da improvvisare adattando i superstiti, qua e là per il campo, senza badare troppo al ruolo. Il gruppo è in difficoltà, numerica e tecnica. La classifica è difficile, penultimi. Il peso del momento – almeno fino al fischio d’inizio - è tutto sulle spalle di Giuseppe Sannino, che in conferenza stampa presenta la partita con l'abituale energia.

«È il solito andirivieni di giocatori che tornano a disposizione - spiega l'allenatore - e altri che non saranno disponibili. Gli undici che andranno in campo saranno all'altezza del Catania, ognuno dovrà dare il meglio di sé, stimolato ancor più dall’emergenza». Rientreranno tra i disponibili Frison e Jankovic. Leto, caso della settimana: all’uscita dal campo contro il Bari ha rifiutato il saluto dell’allenatore. La società ha fatto sapere che sarebbe stato l’allenatore a decidere sulla eventuale punizione tecnica. Sannino glissa: «Ho ancora una notte davanti per prendere una decisione».

Passo successivo, discutere del collettivo dopo aver parlato dei singoli. Cosa attendersi dalla gara di sabato? «Sono venuto al Catania per vincere. La mia squadra gioca sempre per i tre punti, anche se la classifica non le rende merito». A proposito di classifica, nelle ultime due settimane, tanto l’amministratore delegato Pablo Cosentino che il presidente, Antonino Pulvirenti, hanno confermato l’obiettivo serie A. Sannino la vede così: «Il presidente ha detto quel che c’era da dire. La serie A è l’obiettivo che ognuno di noi deve portare nella testa, nel cuore, non nelle parole». Se la società parla di serie A è perché si aspetta di più? «I ragazzi fanno già il 110 per cento di quel che possono fare - sottolinea Sannino - Giochiamo sempre per vincere, ma va considerato anche il momento tumultuoso che attraversiamo». Quando passerà? «Col ritorno di tanti infortunati tornerà in campo la squadra che tutti avevamo in mente, società compresa».

Cosa dobbiamo aspettarci dalla campagna di gennaio? «Non voglio parlare di calciomercato. Se aspettassimo gennaio per provare a migliorarci, moriremmo prima. Bisogna prendere il massimo da questo momento. Dobbiamo farci rispettare sempre, giocare sempre per vincere ma quando non riusciamo, non dobbiamo perdere».

In una sola frase, a La Spezia che Catania dovrà essere? «Voglio una squadra che sia in partita anche quando la palla è fuori».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×