Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il venerdì nero e la città senza colpe

Lettera aperta agli intellettuali de “La Sicilia”. Una riflessione su quanto scritto dal quotidiano catanese nell'editoriale del 4 febbraio in merito alla tragedia del Massimino

Luciano Granozzi

Dopo aver letto per tre volte – il che capita raramente - l’editoriale comparso in prima pagina de “La Sicilia” del 4 febbraio, ho sottolineato a matita queste righe: “Quello che è accaduto è fuori da qualsiasi logica, come è fuori dalla logica qualsiasi atto di violenza. Serve poco criminalizzare una città o un'intera società. (…) A Catania è accaduto il fattaccio, come era accaduto in precedenza in altre parti d'Italia. (…) Ciò non vuol dire però che sia lecito mettere sotto processo tutta una società. La delinquenza esiste come esiste in altre città (…) Se c'è degrado la colpa è di tutti. E non solo dei politici, anche di quegli intellettuali che con snobismo sono pronti a pontificare”.

Più avanti “La Sicilia” concede qualcosa all’evidenza. Rispetto ad altre città a Catania “c'è più disoccupazione, c'è il malessere dovuto a uno Stato patrigno, c'è la mancanza di un progetto di sviluppo futuro”. Ma il succo del ragionamento sta in quello che ho citato sopra: la teoria del fattaccio. Insomma, la dannata sfortuna per cui, casualmente, proprio qui doveva scapparci il morto; in questa città che ha avviato tenacemente la propria rinascita e che un venerdì nero consegna in chiave negativa all’attenzione planetaria. Perciò minimizzare, relativizzare, metabolizzare; contando sulla breve durata delle emozioni. E intanto additare al pubblico disprezzo chiunque dovesse insinuare un solo dubbio sullo specifico catanese del “fattaccio”: gli intellettuali che pontificano.
 
Agli intellettuali della redazione de “La Sicilia” va dato atto di una grande coerenza. La medesima posizione – levata di scudi contro il nemico esterno ed interno (i denigratori di Catania), “stato patrigno” perché non vuole regalarci il Ponte dei Miracoli, divieto di critica alla classe dirigente locale – fu presa allorché comparve la classifica che relegava Catania all’ultimo posto tra le città italiane. Il medesimo ottimismo sulla rinascita della città fu espresso allorché il quotidiano locale sostenne senza mezzi termini la campagna elettorale per la rielezione del Sindaco più abbronzato d’Italia.
 
Una delle novità è che qualcuno non ci sta. Destra e sinistra? Non credo. La distinzione è trasversale. La cosa veramente singolare è che stavolta a tirarsi fuori non sia qualche eminente Accademico dei Lincei, bensì il presentatore di Sanremo. Infatti, tra le sfortune del venerdì nero, c’è che proprio lui, Pippo, il più telegenico dei catanesi, si sia messo ad indossare i panni del fustigatore scandendo parole pesanti come pietre: “Il problema di Catania è un problema culturale e di classe dirigente”.
 
Ora non c’è dubbio che la violenza negli stadi sia un problema che ha lambito Catania ma richiede soluzioni nazionali. Se volessimo esagerare coi paragoni, potremmo persino spingerci a constatare che i guerriglieri di piazza Spedini sono, in un contesto diversissimo, fratelli di sangue dei casseurs delle notti incendiarie nella periferia parigina. O che i nostri “mammuriani” sono omologhi dello sterminato esercito di guagliuncelli del napoletano e del casertano, la cui tragica epopea è stata raccontata in Gomorra di Alberto Saviano. In un senso molto generale lo scenario della rabbia degli emarginati e della nuova violenza urbana non conosce troppo netti confini. Ma è possibile che “se c'è degrado la colpa è di tutti”, cioè di nessuno?
 
Affinate l‘udito, vi prego. Perché, se la dissonanza con Pippo Baudo ci tiene ancora ai piani alti dell’intellighenzia locale, in basso c’è un rumore di fondo più cupo. E’ il tam tam dei ragazzi che hanno venti anni. E non credono che amare Catania corrisponda a doversi tappare gli occhi e le orecchie: “E io che nella mia città è da anni che non ci sto più bene, che esco con la paura, che mi vergogno quando sento certe discussioni, che mi accendo l'Ipod a tutto volume per non sentire il fragore dell'ignoranza, io non ci riesco a vedere un futuro per me, qui dentro”.
 
C’è un’inarrestabile voglia di fuga. C’è vergogna, c’è sfiducia, c’è rabbia. C’è persino razzismo di classe nei confronti degli “ignoranti”. Ma c’è anche qualche timido segnale di una voglia di cambiare le cose. Se non che, per ricostituire l’orgoglio di essere catanesi, questa generazione ne ha piene le tasche della vostra stucchevole ipocrisia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews